Le perle Agrimontana ai giovani futuri chef

Gran Trofeo D’oro Della Ristorazione Italiana

20/02/2014 in Attualità, Fiere
Parole chiave:
Di Luigi Del Pozzo

Dal 23 al 26 feb­braio si ter­rà a Mon­tichiari (BS) l’ot­ta­va edi­zione del con­cor­so Gran Tro­feo d’Oro del­la Ris­torazione. La com­pe­tizione, che si svolge nel­lo sce­nario di Ali­ment, fiera dedi­ta al set­tore ali­menta­re, è nata per volon­tà del mae­stro e coin­volge stu­den­ti di isti­tu­ti di for­mazione alberghiera ed enogas­tro­nom­i­ca ital­iani e stranieri.

In quali­tà di spon­sor pre­sen­zia Agri­mon­tana tes­ti­mo­nian­do la pro­pria dedi­zione alla ris­torazione. Sem­pre atten­ta alla quali­tà, forte del­l’es­pe­rien­za di oltre 40 a fian­co dei migliori pas­ticcieri del mon­do e recen­te­mente dei gelatieri più atten­ti alla nat­u­rali­tà, Agri­mon­tana da quest’an­no si pro­pone agli chef con i pro­pri ingre­di­en­ti e materie prime per il dessert tra le quali, gra­zie alle sin­ergie nel grup­po Illy a cui appar­tiene Domori, ha potu­to svilup­pare e includ­ere il cioc­co­la­to fine da degus­tazione e da lavo­razione.

Gli stu­den­ti potran­no cimen­ta­r­si nel­la real­iz­zazione di una mousse al cioc­co­la­to peru­viano, il trini­tario Apuri­mac, con il cacao al 72% dalle note dol­ci di fiori, caramel­lo e cre­ma di lat­te, e nel­l’ac­costa­men­to di piat­ti salati con con­fet­ture e can­di­ti, tra cui le scorze di aran­cia, dal taglio arti­gianale ric­che di aro­mi essen­ziali, e le albic­oc­che con armel­li­na, mor­bide e dal sapore sor­pren­dente di man­dor­la.

Espe­rien­za e gioven­tù, tradizione e novi­tà sono i carat­teri assun­ti dal­l’azien­da per por­si a fian­co degli chef più esi­gen­ti e per striz­zare l’oc­chio a chi pro­pone una cuci­na sem­plice ma qual­i­ta­ti­va. Anche per questo si è affi­da­ta a VIVI Fer­men­ti d’Im­pre­sa, gio­vane fab­bri­ca cre­ati­va di piani­fi­cazione e comu­ni­cazione, affinché, con le pro­prie pro­poste di grande spes­sore aro­mati­co, il fine pas­to diven­ti un ricor­do piacev­ole e pos­i­ti­vo.

 

Parole chiave: