Grazie, prende il via l’Antichissima Fiera

14/08/2014 in Arte, Attualità, Fiere
Di Luigi Del Pozzo

Atte­si sul sagra­to del San­tu­ario più di 150 da tut­to il mon­do per la 42esima edi­zione del con­cor­so artis­ti­co. Pres­i­dente del­la giuria sarà Philippe Dav­e­rio. Anche il mer­ca­to non conosce crisi: 250 gli espos­i­tori del­la Fiera. Ric­co pro­gram­ma di incon­tri cul­tur­ali, spet­ta­coli musi­cali e intrat­ten­i­men­ti, con tante novità per bam­bi­ni e ragazzi. E Gra­zie è anche tri­on­fo di gus­to e natu­ra

Il con­to alla roves­cia è ter­mi­na­to: prende il via, giovedì 14 agos­to, l’edi­zione 2014 del­l’, la man­i­fes­tazione che dal lon­tano 1425 ani­ma nei giorni del­la fes­tiv­ità del­l’As­sun­zione il pic­co­lo bor­go di Cur­ta­tone dom­i­na­to dal San­tu­ario mar­i­ano, stor­i­ca meta di cul­to e devozione reli­giosa.

L’ap­pun­ta­men­to che richia­ma ogni anno decine di migli­a­ia di vis­i­ta­tori anche da fuori provin­cia – per quest’an­no sono attese 100mila pre­sen­ze – si apre con un record: le 150 piaz­zole messe a dis­po­sizione degli artisti che si sfider­an­no sul sagra­to del San­tu­ario per la 42esima edi­zione del Con­cor­so nazionale dei madon­nari sono già state esaurite. Un vero e pro­prio boom di iscrizioni, arrivate dopo che l’an­no scor­so alcu­ni posti era­no rimasti vuoti, com­plice la crisi, nonos­tante quel­lo di Gra­zie sia l’ap­pun­ta­men­to più anti­co del mon­do e ispi­ra­tore di impor­tan­ti man­i­fes­tazioni inter­nazion­ali, come il Sara­so­ta Chalk Fes­ti­val in Cal­i­for­nia. Mer­i­to del­l’Ammin­is­trazione Comu­nale di Cur­ta­tone, che assieme al Cen­tro Ital­iano Madon­nari e alla Pro Loco, ha saputo in questi mesi ricostru­ire un inten­so dial­o­go con gli artisti, anche rin­no­van­do il rego­la­men­to del­la com­pe­tizione, nel rispet­to dei due req­ui­si­ti che ne carat­ter­iz­zano l’i­den­tità: la rap­p­re­sen­tazione del tema sacro e l’u­so esclu­si­vo dei ges­set­ti.

A sti­mo­lare la parte­ci­pazione e l’en­tu­si­as­mo degli artisti, molti dei quali sono maestri madon­nari che man­ca­vano da Gra­zie da alcu­ni anni, e con una forte com­po­nente straniera (del­egazioni attese da Fran­cia, Ger­ma­nia, Sta­ti Uni­ti, Mes­si­co, Giap­pone), è anche la pres­ti­giosa pre­sen­za di Philippe Dav­e­rio, pres­i­dente ono­rario del­la Giuria.

E’ la pri­ma vol­ta che ven­go chiam­a­to a pre­siedere un con­cor­so di questo tipo e ne sono molto incu­rios­i­to – spie­ga il noto criti­co d’arte –. Pro­vo una grande con­sid­er­azione per i madon­nari, maestri di un’arte anti­ca di cui i graf­fi­tari di oggi rap­p­re­sen­tano la mod­er­na evoluzione. Le loro opere, sep­pur effimere per definizione, affon­dano le radi­ci nel­la grande tradizione del Rinasci­men­to. In un mon­do come quel­lo attuale che rep­u­ta l’arte come qual­cosa da trasfor­mare in denaro, i madon­nari e i loro lavori, des­ti­nati ad essere can­cel­lati nel giro di qualche giorno, sono poco con­siderati: eppure il loro è un gesto gra­tu­ito e anti­co, e questo mi colpisce pro­fon­da­mente. Val­uterò con grande atten­zione sia le ripro­duzioni di opere note che le creazioni orig­i­nali, spes­so ispi­rate ai temi sociali con­tem­po­ranei: d’al­tronde in Italia esiste un’an­ti­ca tradizione di ex voto, la cui nar­razione è lega­ta pro­prio alle vicende del quo­tid­i­ano, come ci ricor­da il San­tu­ario di Gra­zie, luo­go stra­or­di­nario per la civiltà artis­ti­ca ital­iana”.

Dopo le pre­mi­azioni dei vinci­tori del con­cor­so, in pro­gram­ma per le 18.30 di ven­erdì 15 agos­to, al ter­mine di qua­si 24 ore inin­ter­rotte di lavoro per i madon­nari, Dav­e­rio alle 20.30 ter­rà una con­feren­za sul tema “Le radi­ci cul­tur­ali per un nuo­vo Rinasci­men­to”.

Accan­to alla stor­i­ca sfi­da a colpi di ges­set­to, l’An­tichissi­ma Fiera delle Gra­zie pro­pone anche un ric­co pro­gram­ma di appun­ta­men­ti, con il cir­co di stra­da, le rie­vo­cazioni e i giochi medievali, le comme­die del­l’arte, le ani­mazioni per i bam­bi­ni, gli intrat­ten­i­men­ti per i gio­vani al nuo­vo Padiglione San Loren­zo e le gran­di ser­ate all’in­seg­na del­la musi­ca e del­lo spet­ta­co­lo, dal­la lir­i­ca al musi­cal, che si svol­ger­an­no nel­la sug­ges­ti­va cor­nice del sagra­to del San­tu­ario.

Inter­es­san­ti anche gli incon­tri cul­tur­ali, come quel­lo di domeni­ca 17 agos­to con l’e­s­ploratore e scrit­tore Mar­co Deam­bro­gio, il cui ulti­mo libro “Le tre vie del­la vita”, rac­con­to del cam­mi­no di San­ti­a­go di Com­postela, sta riscuo­ten­do un notev­ole inter­esse.

Pro­poste di qual­ità anche per i più pic­coli con gli appun­ta­men­ti a cura di Dario Moret­ti, diret­tore del Teatro all’Im­provvi­so e fonda­tore del for­tu­na­to fes­ti­val “Seg­ni d’in­fanzia”, e del romanziere Davide Bre­go­la, con il suo “L’ac­chi­ap­parime e i burat­ti­ni”.

Saba­to 16 agos­to invece si par­lerà di cul­tura del cibo ed evoluzione del­la cuci­na man­to­vana con lo stori­co Gian­car­lo Malacarne, con focus sul Cotechi­no delle Gra­zie, il piat­to tipi­co del ter­ri­to­rio per il quale è in arri­vo la Denom­i­nazione di Orig­ine Comu­nale De.C.O..

E pro­prio attorno all’an­ti­ca tradizione, cara ai man­to­vani, di gustare il cotechi­no dopo la mes­sa al San­tu­ario la mat­ti­na di Fer­ragos­to, si svilup­pa un altro ele­men­to por­tante del­l’An­tichissi­ma Fiera delle Gra­zie: quel­lo del gus­to. I migliori , sia locali che region­ali, sono tra i pro­tag­o­nisti del grande mer­ca­to che quest’an­no è anco­ra più ric­co: 250 gli espos­i­tori che han­no con­fer­ma­to la loro pre­sen­za, con un aumen­to del 60% rispet­to al 2013. Oltre ai tradizion­ali banchi di ambu­lan­ti, quest’an­no ci sarà spazio anche per la cre­ativ­ità arti­gianale e i prodot­ti made in Italy; al migliore alles­ti­men­to andrà il pre­mio del tradizionale con­cor­so “Ban­cofiera”.

L’An­tichissi­ma Fiera è anche l’oc­ca­sione per risco­prire lo stra­or­di­nario pat­ri­mo­nio stori­co-artis­ti­co e nat­u­ral­is­ti­co di Gra­zie: il bor­go nato attorno al San­tu­ario del­la Bea­ta Vergine Maria, splen­di­do esem­pio stile goti­co lom­bar­do con­sacra­to nel 1406, è immer­so nel­la Ris­er­va Nat­u­rale delle Val­li del Min­cio, una delle aree umide interne più impor­tan­ti d’Eu­ropa, nonché Sito Comu­ni­tario (SIC) e Zona per l’av­i­fau­na (ZPS), che nel 2009 ha vin­to il pre­mio Eden europeo per il tur­is­mo sosteni­bile.

Durante i quat­tro giorni del­la man­i­fes­tazione sarà pos­si­bile effet­tuare delle escur­sioni e rag­giun­gere Gra­zie da Man­to­va in bar­ca: nav­i­gare in mez­zo alle Val­li che avvol­go­no il San­tu­ario, in queste set­ti­mane impreziosite dal­lo spet­ta­co­lo dei fiori di loto, è un’es­pe­rien­za di rara emozione e bellez­za, la via più sug­ges­ti­va per avvic­i­nar­si alla pic­co­la frazione, inseri­ta nel 2013 tra i Borghi più bel­li d’I­talia.

Tutte le infor­mazioni sul­l’An­tichissi­ma Fiera delle Gra­zie sono con­sulta­bili al sito: www.fieradellegrazie.it.

Il rac­con­to live del­la man­i­fes­tazione, con foto, video e inter­viste, sarà anche sul­la pag­i­na Face­book e sul canale Youtube Antichissi­ma Fiera delle Gra­zie.

 

 

Cur­ta­tone, 13 agos­to 2014