Grazie a un contributo regionale, cresce la sicurezza nei Comuni di Lonato del Garda, Bedizzole e Calcinato

Di Redazione

Sono in arri­vo nuovi inter­ven­ti con­creti per poten­ziare la sicurez­za dei cit­ta­di­ni nei tre comu­ni che dall’inizio di feb­braio 2016 han­no siglato un “pat­to per la sicurez­za” del­la dura­ta di dod­i­ci anni con la con­di­vi­sione di risorse umane e stru­men­tali. Si trat­ta del­la con­ven­zione inter­co­mu­nale per il servizio di , che già era sta­ta sper­i­men­ta­ta prece­den­te­mente da Lona­to e Bedi­z­zole. Dopo la pri­ma novità oper­a­ti­va dell’inter­con­nes­sione delle radio rice­trasmit­ten­ti, per arrivare a un uni­co servizio radio in gra­do di coprire tut­ta l’area inter­es­sa­ta di qua­si 130 kmq e cir­ca 40mila abi­tan­ti, a breve sarà imple­men­ta­ta la rete di videosorveg­lian­za, gra­zie al ban­do regionale a cui i tre comu­ni han­no parte­ci­pa­to. L’assegnazione del con­trib­u­to regionale con­sen­tirà ai coman­di di Polizia locale diret­ti daPatrizio Tosoni (Lona­to e Bedi­z­zole) e Rober­to Sog­giu (Cal­ci­na­to) di dis­porre di nuo­va tec­nolo­gia e mezzi sem­pre più all’avanguardia garan­ten­do ulte­ri­ore sicurez­za ai pro­pri cit­ta­di­ni.

Il prog­et­to pre­sen­ta­to dai tre comu­ni ha un val­ore com­p­lessi­vo di 275mila euro, di cui la regione ne finanzia 80mila (cifra mas­si­ma finanzi­a­bile). Nel det­taglio sono sta­ti pre­visti ven­ti por­tali di let­tura tar­ga, di cui tre com­posti da due tele­camere per ril­e­vare i mezzi in tran­si­to su entram­bi i sen­si di mar­cia. In totale, quin­di, stan­no per essere instal­late nei prin­ci­pali pun­ti d’accesso al ter­ri­to­rio 23 nuove video­camere, più tre tele­camere mobili, che al pas­sag­gio di auto sospette seg­naler­an­no l’anomalia in tem­po reale, tramite i por­tali, diret­ta­mente ai coman­di del­la Polizia locale e dei Cara­binieri in modo che la pri­ma pat­tuglia in zona pos­sa inter­venire. Sarà val­u­ta­ta anche l’ipotesi di met­tere in col­lega­men­to, tramite un’unica rete, i por­tali di videosorveg­lian­za dei tre comu­ni.

Il sin­da­co lonatese , con l’assessore alla Sicurez­za Rober­to Vanaria, esprime sod­dis­fazione per il con­trib­u­to regionale: «Siamo sta­ti tra i pri­mi comu­ni ad appli­care la legge regionale 6/2015, sull’esercizio in for­ma asso­ci­a­ta delle fun­zioni di Polizia locale e ammin­is­tra­ti­va, e la vinci­ta del ban­do ci invi­ta a con­tin­uare sul­la stra­da intrapre­sa. Sec­on­do le indi­cazioni del­la legge regionale, infat­ti, ispezionare meglio il ter­ri­to­rio, garan­tire la pre­sen­za di una pat­tuglia sem­pre disponi­bile 24 ore su 24 per i casi di emer­gen­za e aumentare la sicurez­za gen­erale sono gli obi­et­tivi prin­ci­pali del rap­por­to di col­lab­o­razione. Obi­et­tivi che potremo miglio­rare gra­zie a questo inno­v­a­ti­vo prog­et­to di videosorveg­lian­za e a una sem­pre più stret­ta col­lab­o­razione».

Il pri­mo cit­tadi­no di Bedi­z­zole Gio­van­ni Cot­ti­ni affer­ma: «Anche da parte dell’amministrazione comu­nale di Bedi­z­zole con­fer­mo la sod­dis­fazione di aver ottenu­to un con­trib­u­to impor­tante a favore del­la sicurez­za dei nos­tri cit­ta­di­ni; la col­lab­o­razione inizia­ta con Lona­to ed este­sa quest’anno a Cal­ci­na­to sta dan­do i suoi frut­ti e ci auguri­amo che questo sia solo un pri­mo pas­so a cui ne seguiran­no altri in ques­ta direzione, vis­to che il tema è molto sen­ti­to dal­la gente».

Per Cal­ci­na­to il sin­da­co Mari­ka Legati e l’assessore alla Sicurez­za Ste­fano Vergano com­men­tano: «Siamo molto feli­ci per il lavoro svolto, per la sin­er­gia cre­atasi tra i nos­tri due coman­dan­ti e per il lavoro con­di­vi­so dal­la Polizia locale e dagli asses­sori coin­volti. Ci auguri­amo che questo pri­mo prog­et­to comune, attra­ver­so l’ingresso grad­uale di Cal­ci­na­to nel­la con­ven­zione, si svilup­perà col tem­po in una più stret­ta coe­sione tra i nos­tri coman­di, sem­pre a ben­efi­cio e a tutela del­la sicurez­za di tut­ti i cit­ta­di­ni».

Tut­ti gli ammin­is­tra­tori con­cor­dano nel ritenere che la sicurez­za non può ovvi­a­mente pre­scindere dal­la mas­si­ma col­lab­o­razione e dal coor­di­na­men­to con le altre forze di Polizia, Cara­binieri in prim­is, pre­sen­ti sul ter­ri­to­rio; anche per questo sono state esposte ai coman­dan­ti di stazione e al coman­dante di com­pag­nia la con­ven­zione di Polizia locale e le poten­zial­ità del sis­tema di videosorveg­lian­za che ver­rà presto appronta­to.

Oltre alla nuo­va stru­men­tazione in arri­vo, pros­eguono set­ti­manal­mente nei tre com­pren­sori comu­nali i “maxi pat­tuglia­men­ti” per mon­i­torare il ter­ri­to­rio in vari momen­ti del­la gior­na­ta, sfrut­tan­do i sis­te­mi di let­tura tar­ga di cui i mezzi del­la Polizia locale sono già dotati.

Saran­no inoltre poten­ziati i con­trol­li tramite pat­tuglia­men­ti “in borgh­ese” per con­trastare il dila­gante fenom­e­no dell’abbandono abu­si­vo dei rifiu­ti. Oper­azioni mirate ver­ran­no con­dotte da agen­ti in borgh­ese a bor­do di auto sen­za inseg­na, per cogliere sul fat­to quan­ti anco­ra non rispet­tano le regole per il cor­ret­to smal­ti­men­to dei pro­pri rifiu­ti, cau­san­do dis­a­gi per l’ambiente e la col­let­tiv­ità. A oggi, nei tre comu­ni di Lona­to, Bedi­z­zole e Cal­ci­na­to sono oper­a­tivi24 agen­ti e tre ammin­is­tra­tivi di Polizia locale.

20160419_185421