Gruppo Feralpi oltre 400 milioni di Euro di investimenti straordinari nel piano industriale 2022–2026

Di Luigi Del Pozzo

Fer­alpi Group chi­ude un 2021 molto pos­i­ti­vo e rilan­cia con un robus­to piano indus­tri­ale 2022–2026 che com­prende più di 400 mil­ioni di inves­ti­men­ti in prog­et­ti stra­or­di­nari oltre agli inves­ti­men­ti ordi­nari sia in Italia sia in Germania.

Gra­zie a questi inves­ti­men­ti, il grup­po siderur­gi­co, tra i leader in Europa nel­la pro­duzione di acciai per edilizia, crescerà per dimen­sione e per com­pet­i­tiv­ità con un portafoglio prodot­ti più com­ple­to e una base di costi più effi­ciente. Sec­on­do la cli­mate strat­e­gy sin­er­gi­ca al busi­ness plan, la mag­giore flessibil­ità pro­dut­ti­va e com­mer­ciale andrà di pari pas­so con la pro­gres­si­va riduzione delle emis­sioni di CO2 imple­men­tan­do negli sta­bil­i­men­ti ital­iani e tedeschi nuove tec­nolo­gie e sis­te­mi di intel­li­gen­za arti­fi­ciale. Sul fronte ener­geti­co, si doterà di energie rin­nov­abili prodotte per l’autoconsumo.

«Le imp­rese siderur­giche che inve­stono nel­la con­ti­nu­ità del pro­prio busi­ness — com­men­ta Giuseppe Pasi­ni, pres­i­dente del Grup­po Fer­alpi – guardano ben oltre ad un 2021 che è sta­to sicu­ra­mente molto buono per il com­par­to dell’acciaio. Questo è quel­lo che fac­ciamo in Fer­alpi. Inve­stire oltre 400 mil­ioni di euro in cinque anni in prog­et­ti stra­or­di­nari per noi sig­nifi­ca delin­eare fin da subito ciò che sare­mo nei prossi­mi anni». «Avviare pro­ces­si di tran­sizione eco­log­i­ca ed ener­get­i­ca inte­grandoli nei piani di svilup­po ESG con chiari KPI – aggiunge il pres­i­dente — è diri­mente per il nos­tro futuro. Ecco per­ché entro il 2026 Fer­alpi Group dovrà essere ener­geti­ca­mente ai mas­si­mi liv­el­li di effi­cien­za, ali­men­ta­to da fonti rin­nov­abili, con una car­bon foot­print pro­gres­si­va­mente sem­pre più leg­gera. È la chi­ave di let­tura del­la nos­tra com­pet­i­tiv­ità sostenu­ta anche dal­la cresci­ta del­la gam­ma di offer­ta. Tut­to questo per crescere in modo sosteni­bile sia ambi­en­tal­mente sia eco­nomi­ca­mente, ossia indipen­den­te­mente dalle oscil­lazioni 2 con­giun­tu­rali di mer­ca­to che non devono fre­nar­ci. Ci impeg­ni­amo quin­di per con­tin­uare a creare val­ore non solo per l’impresa e per le sue per­sone, ma anche per le fil­iere in cui lavo­riamo e per le comu­nità in cui viviamo».

IL BILANCIO (CONSOLIDATO FERALPI HOLDING SPA) 2021 2020 2019 

Dati Eco­nomi­ci (Euro/1000) Ricavi 1.928.446 1.238.398 1.302.752

A) Val­ore del­la pro­duzione 2.058.086 + 1.222.458 + 1.331.674 +

B) Costi del­la pro­duzione 1.839.351 — 1.203.903 — 1.260.508 -

C) Proven­ti e oneri finanziari 3.309 — 3.865 — 2.794 — Risul­ta­to pri­ma delle imposte 215.297 + 12.642 + 54.508 + Imposte 59.413 — 7.192 — 13.677 — Risul­ta­to net­to totale 155.884 + 5.450 + 40.831 + Risul­ta­to di per­ti­nen­za del Grup­po 154.021 + 4.206 + 39.812 + Ammor­ta­men­ti e sva­l­u­tazioni 52.966 — 55.196 — 53.935 — EBITDA 271.701 + 73.751 + 125.101 + EBIT 218.735 + 18.555 + 71.166 + Dati Pat­ri­mo­ni­ali e Finanziari Inves­ti­men­ti Tec­ni­ci di peri­o­do 55.998 55.597 54.521 Immo­bi­liz­zazione Tec­niche Nette 414.194 405.052 357.424 Pat­ri­mo­nio Net­to Totale 676.480 520.849 509.496 Posizione Finanziaria Net­ta 125.189 145.918 134.936 Dipen­den­ti Totale 1749 1.710 1.570 Italia 937 923 806 Estero 812 787 764

Il con­sol­ida­to 2021 di Fer­alpi Hold­ing vede iscrit­to in bilan­cio ricavi pari a 1.928 mil­ioni di euro con­tro i 1.238 mil­ioni del 2020 (anno su cui ha pesato il lock­down impos­to dal­la pan­demia da Covid-19) seg­nan­do un +55,7% a/a in ragione sia di un aumen­to dei volu­mi sia dei prezzi di ven­di­ta. Il val­ore del­la pro­duzione supera i due mil­iar­di di euro (2,058 mld €).

Si con­fer­ma la forte pre­dis­po­sizione ver­so l’internazionalizzazione con una quo­ta di ricavi generati all’estero pari al 59%, in leg­gera riduzione rispet­to all’anno prece­dente (62%). In gen­erale, i ricavi di ven­di­ta vedono una mag­giore con­cen­trazione nei mer­cati core per il Grup­po (Italia, Ger­ma­nia, Fran­cia, Svizzera e Aus­tria). La per­for­mance eco­nom­i­ca ha rag­giun­to i liv­el­li più alti nel­la sto­ria del Grup­po. L’EBITDA si è attes­ta­to a 271,7 mil­ioni di euro rispet­to ai 73,7 mil­ioni del 2020. Dopo aver spe­sato ammor­ta­men­ti e sva­l­u­tazioni per 52,9 mil­ioni di euro, il risul­ta­to di per­ti­nen­za del Grup­po sale a 154 mil­ioni di euro (era­no 5,45 mil­ioni di euro nel 2020).

Sul fronte pat­ri­mo­ni­ale e finanziario, Fer­alpi Group cresce in solid­ità e flessibil­ità. Il pat­ri­mo­nio net­to con­sol­ida­to pas­sa da 520,8 mil­ioni di euro a 676,4 mil­ioni di euro.

Per quan­to riguar­da la Posizione Finanziaria Net­ta, il con­sol­ida­to 2021 ripor­ta un decre­men­to da 145,9 mil­ioni euro a 125,2 mil­ioni di euro.

GLI INVESTIMENTI STRAORDINARI (PIANO INDUSTRIALE 2022–2026):

Ger­ma­nia In Ger­ma­nia sono da poco sta­ti avviati i lavori per la real­iz­zazione di un nuo­vo lam­i­na­toio per prodot­ti lunghi des­ti­nati all’edilizia che sarà instal­la­to in Fer­alpi Stahl a Riesa (Sas­so­nia). Dota­to di tut­ti i più recen­ti pro­gres­si tec­no­logi­ci, sarà un lam­i­na­toio inno­v­a­ti­vo per tec­nolo­gia e sosteni­bil­ità. Nel com­p­lesso, gli inves­ti­men­ti stra­or­di­nari per la busi­ness unit tedesca del Grup­po sono pari a 229 mil­ioni di euro. Gra­zie a questi inves­ti­men­ti, le emis­sioni dirette di CO2 del plant tedesco si ridur­ran­no, a regime, di 25.077 ton­nel­late (ton CO2eq/a).

Italia In Italia sono pre­visti diver­si inves­ti­men­ti su tut­ti gli sta­bil­i­men­ti di Grup­po sot­to il pro­fi­lo tec­no­logi­co e sosteni­bile per unire una sem­pre mag­giore effi­cien­za pro­dut­ti­va, ambi­en­tale e raf­forzare la verticalizzazione.

Gli inves­ti­men­ti stra­or­di­nari in Italia ammon­tano a 80 mil­ioni di euro. Gra­zie a questi inves­ti­men­ti, le emis­sioni dirette di CO2 si ridur­ran­no, a regime, di 25.947 ton­nel­late (ton CO2eq/a).

Foto­voltaico L’investimento è des­ti­na­to alla pro­duzione di energie rin­nov­abili in Italia. L’obiettivo a quat­tro anni è quel­lo di instal­lare nuove capac­ità des­ti­nate all’autoconsumo per coprire il 20% cir­ca del fab­bisog­no ener­geti­co delle aziende del Grup­po in Italia. Gra­zie al nuo­vo inves­ti­men­to, il Grup­po Fer­alpi si doterà di 118 MW di poten­za instal­la­ta a regime da energie rin­nov­abili per una riduzione delle emis­sioni indi­rette di CO2 di oltre 91.000 ton­nel­late l’anno (a regime). L’investimento di 116 mil­ioni di euro è parte del­la strate­gia ESG (Envi­ron­ment, Social, Gov­er­nance) che a sua vol­ta inte­gra nelle diret­tri­ci di svilup­po un per­cor­so di car­bon neu­tral­i­ty. 4 I dipen­den­ti Dal pun­to di vista occu­pazionale, il Grup­po è pas­sato da 1.710 dipen­den­ti a 1.749 dipen­den­ti (+2,3% a/a) di cui 937 in Italia e 812 all’estero. Di questi, il 94% è assun­to a tem­po indeterminato.

Nel 2021 sono sta­ti assun­ti 87 gio­vani under 30. Fer­alpi si impeg­na nel­la val­oriz­zazione del­la diver­sità delle per­sone, con­sid­er­a­ta come val­ore intrin­seco dell’unicità di cias­cuno, attuan­do i val­ori espres­si nel Codice Eti­co di Grup­po, osser­van­do la Dichiarazione Uni­ver­sale dei Dirit­ti Umani delle Nazioni Unite e seguen­do i prin­cipi del Glob­al Com­pact, a cui aderisce. Nel 2021 si è com­in­ci­a­to a met­tere a ter­ra l’indirizzo strate­gi­co dichiara­to nel­la Pol­i­cy di Grup­po, redat­ta e divul­ga­ta nel 2020. Fer­alpi si è impeg­na­ta così a per­corre un cam­mi­no defini­to, carat­ter­iz­za­to da costan­za, fre­quen­za e capillarità.

LA DICHIARAZIONE VOLONTARIA CONSOLIDATA DI CARATTERE NON FINANZIARIO 

Fer­alpi pre­sen­ta, assieme al bilan­cio con­sol­ida­to 2021 di Grup­po, la sua terza Dichiarazione Volon­taria Con­sol­i­da­ta di carat­tere Non Finanziario (DNF), dan­do con­ti­nu­ità ad un proces­so di ren­di­con­tazione sociale avvi­a­to già nel 2004. Pur non rien­tran­do tra le aziende obb­li­gate a redi­gere una DNF il Grup­po ha scel­to di con­tin­uare ad antic­i­pare gli stan­dard nor­ma­tivi con l’obiettivo di offrire ai pro­pri stake­hold­er ele­men­ti com­pa­ra­bili e per favorire una sem­pre mag­giore trasparen­za sulle tem­atiche sociali e ambi­en­tali, oltre che economiche.

Nel 2021 il Grup­po Fer­alpi ha gen­er­a­to un val­ore aggiun­to glob­ale lor­do pari a 387 mil­ioni di euro. Il val­ore net­to per gli stake­hold­er ammon­ta a 336,2 mil­ioni di euro. La ripar­tizione del val­ore aggiun­to glob­ale net­to vede una mag­gior con­cen­trazione nel raf­forza­men­to del cap­i­tale (47%), cui seguono la remu­ner­azione del per­son­ale (26%) e la Pub­bli­ca Ammin­is­trazione (25%). Ai finanzi­a­tori sono sta­ti des­ti­nati 3,9 mil­ioni di euro. Il fat­tura­to riconosci­u­to ai for­n­i­tori locali è sta­to del 25,4%. Il con­trib­u­to a sosteg­no delle comu­nità ter­ri­to­ri­ali è sta­to di 3,5 mil­ioni di euro. Sul fronte ambi­en­tale, il 93% del­la pro­duzione deri­va da acciaio rici­cla­to. I rifiu­ti des­ti­nati a recu­pero, rici­clo e riu­so sul totale dei rifiu­ti prodot­ti da lavo­razioni siderur­giche sono sta­ti pari all’89%, 9 pun­ti per­centu­ali in più rispet­to al 2020. Scar­i­ca in antepri­ma l’Abstract del­la DNF 2021 5 Il Grup­po Fer­alpi Il Grup­po Fer­alpi è tra i prin­ci­pali pro­dut­tori siderur­gi­ci in Europa (1,93 mld € di fat­tura­to nel 2021, oltre 1800 dipen­den­ti diret­ti nel 2022) ed è spe­cial­iz­za­to nel­la pro­duzione di acciai des­ti­nati sia all’edilizia sia ad appli­cazioni speciali.

Dal­la capogrup­po Fer­alpi Siderur­gi­ca, fon­da­ta nel 1968 a Lona­to del Gar­da (Bres­cia), un per­cor­so di cresci­ta ha dato vita ad un Grup­po inter­nazionale, diver­si­fi­ca­to e ver­ti­cal­iz­za­to a monte e a valle del­la fil­iera pro­dut­ti­va e di commercializzazione.

Il Grup­po Fer­alpi è tra i leader sul mer­ca­to nazionale ed europeo nel­la pro­duzione di ton­do per cemen­to arma­to in barre, vergel­la lis­cia e ner­va­ta, ton­do ribobi­na­to, trafi­la­to e rete elet­tros­al­da­ta. La mis­sione che si pro­pone Fer­alpi non è soltan­to quel­la di pro­durre i migliori acciai per l’edilizia, ma di far­lo nel modo più sosteni­bile pos­si­bile, nel rispet­to delle per­sone e del­la loro diver­sità nonché dell’ambiente, ovvero abbat­ten­do i con­su­mi e le emis­sioni uti­liz­zan­do le migliori tec­nolo­gie disponi­bili gra­zie ad inves­ti­men­ti tec­no­logi­ci uni­ti ad un’in­ten­sa attiv­ità di inno­vazione e ricerca.

 

Nessun Tag Trovato

Commenti

commenti