C’è anche un interprete fra i servizi offerti dalla rete sanitaria destinata ai turisti del Garda Nove punti di assistenza decentrati per alleggerire il Pronto soccorso

Guardia medica anti-code

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Sara Mauroner

Nove ambu­la­tori di guardia med­ica tur­is­ti­ca e due inter­preti a sup­por­to dei vil­leg­gianti stranieri che neces­si­tano di cure. Questi i servizi mes­si a dis­po­sizione di quan­ti han­no deciso di trascor­rere le vacanze sul . Il pac­chet­to di servizi, che atti­va­to dal 12 giug­no fun­zion­erà per tut­ta l’es­tate, svolge un’importante attiv­ità di assis­ten­za med­ica ai malati rius­cen­do così ad alleg­gerire il lavoro del pron­to soc­cor­so che aumen­ta inevitabil­mente durante le ferie. L’incisività del servizio dipende anche e soprat­tut­to dal­la liv­el­lo di infor­mazione degli uten­ti. Vis­ite ambu­la­to­ri­ali, inter­ven­ti di pri­mo soc­cor­so, med­icazioni: queste alcune delle prestazioni svolte dal­la guardia tur­is­ti­ca. Negli ambu­la­tori di Toscolano, Limone, Tremo­sine, Tig­nale, Gargnano, Salò, Maner­ba, Desen­zano e Sirmione, medici e spe­cial­iz­zan­di sono a dis­po­sizione di tut­ti col­oro che han­no bisog­no di . Quel­li del­la guardia medico tur­is­ti­ca sono dei veri e pro­pri ambu­la­tori, dotati di tutte le migliori stru­men­tazioni che per­me­t­tono l’in­ter­ven­to nei casi meno urgen­ti. Tut­tavia, nonos­tante l’ef­fi­cien­za dei servizi offer­ti, sono anco­ra numerosi i tur­isti che preferiscono recar­si diret­ta­mente al pron­to soc­cor­so. È questo il caso del­l’am­bu­la­to­rio in via Gram­sci a Desen­zano che, risen­ten­do forse del­la vic­i­nan­za con l’ospedale, non supera i quindi­ci pazi­en­ti al giorno. Per­siste inoltre la dif­fi­den­za soprat­tut­to tra gli stranieri che, forse per una ques­tione di men­tal­ità, preferiscono andare diret­ta­mente al pron­to soc­cor­so anche per gli inter­ven­ti più banali, intasan­do in questo modo la sala di atte­sa del­l’ospedale. Attra­ver­so il mod­el­lo «E111» che per­me­tte di rice­vere assis­ten­za san­i­taria all’es­tero, i tur­isti stranieri pos­sono richiedere in modo gra­tu­ito le prestazioni di cui han­no bisog­no. Per gli ital­iani è suf­fi­ciente invece il tesseri­no san­i­tario. «Per l’ambulatorio di Desen­zano ques­ta è la terza sta­gione — osser­va Fran­co Nicosia, spe­cial­iz­zan­do in Med­i­c­i­na Inter­na pres­so l’ degli Stu­di di Bres­cia -, il pri­mo anno ci sono sta­ti alcu­ni prob­le­mi dovu­ti al fat­to che la mag­gior parte del­la gente non era infor­ma­ta del­l’e­sisten­za del nos­tro ambu­la­to­rio e veni­va da noi solo dopo essere già sta­ta al Pron­to Soc­cor­so. «Quest’an­no la situ­azione è un po’ cam­bi­a­ta: gli alber­ga­tori e i diret­tori dei campeg­gi conoscono la nos­tra strut­tura e cer­cano di ind­i­riz­zare i numerosi vil­leg­gia­tori pres­so il nos­tro ambu­la­to­rio». Il nuo­vo servizio pro­mosso dal­la Asl di Bres­cia per­me­tte di trascor­rere vacanze tran­quille anche alle per­sone più anziane che, sog­gior­nan­do anche per lunghi peri­o­di nelle local­ità garde­sane, pos­sono con­tare sul­l’as­sis­ten­za costante dei medici delle strut­ture ambu­la­to­ri­ali. «Ci sono per­sone — spie­ga Nicosia — che ven­gono anche tut­ti i giorni a far­si mis­urare la pres­sione e, in questo modo si sentono più tran­quille». Accan­to alle prestazioni ambu­la­to­ri­ali gra­tu­ite, la guardia tur­is­ti­ca inter­viene an che a domi­cilio dietro un paga­men­to però di 40 euro. Stret­ta è comunque la col­lab­o­razione con il 118 il cui inter­ven­to viene richiesto nei casi più gravi. Qui di segui­to ripor­ti­amo ind­i­rizzi e orari degli ambu­la­tori: Toscolano in via Ver­di dalle 8 alle 20; Tremo­sine: il lunedì ambu­la­to­rio di via Gio­van­ni XXIII, mer­coledì in via Zani­ni a Vesio e il ven­erdì a Volti­no con orario 17–20 per tut­ti i tre giorni; Limone pres­so l’am­bu­la­to­rio comu­nale dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 16; a Tig­nale Gar­dola tut­ta la set­ti­mana dalle 9 alle 13 e il mart­edì dalle 15 alle 19; Gargnano in via del­la Repub­bli­ca dalle 9 alle 13 e il mart­edì dalle15 alle 19; Salò in via Pietro da Salò ore 9–13 e 15–18; Maner­ba in via Rimem­branze dalle 8 alle 20; Lugana di Sirmione in via Da Vin­ci ore 9–13 e 15–19; Desen­zano in via Gram­sci ore 9–13 e 15–19. Ma accan­to all’as­sis­ten­za del­la guardia medico tur­is­ti­ca è impor­tante ricor­dare anche il servizio di «inter­preti» a sup­por­to dei tur­isti stranieri. Atti­vo già da diver­si anni agli ospedali di Desen­zano e Gavar­do, rap­p­re­sen­ta un impor­tante appog­gio per tutte le per­sone che par­lano lingue diverse da quel­la ital­iana. «Questo servizio — sot­to­lin­ea Mau­ro Borel­li, diret­tore gen­erale del­l’Azien­da ospedaliera di Desen­zano — assume un’im­por­tan­za basi­lare nel­la ges­tione dell’assistenza san­i­taria in par­ti­co­lar modo durante le ferie estive quan­do si river­sano sul lago migli­a­ia di tur­isti. Il suc­ces­so di questo servizio è dovu­to soprat­tut­to alla pro­fes­sion­al­ità dalle due inter­preti che, da diver­si anni, col­lab­o­ra­no con la nos­tra azienda».

Parole chiave: