Risolti i problemi che limitavano gli interventi

Guardia turistica Servizio garantito

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Lago di Garda

Decol­la la guardia med­ica tur­is­ti­ca, servizio che viene atti­va­to nel peri­o­do di pun­ta esti­vo per far fronte all’incremento del­la doman­da di servizi in segui­to al mag­gior afflus­so di per­sone nelle zone cli­matiche o di sog­giorno. È il caso del­la riv­iera bres­ciana del lago. L’ambulatorio medico è già oper­a­ti­vo a Limone, nell’alto lago pro­prio per la par­ti­co­lare situ­azione del­la cit­tad­i­na che si tro­va assai dis­tante dai prin­ci­pali ospedali del lago. Il servizio decollerà invece a par­tire da metà giug­no in tut­ti gli altri prin­ci­pali cen­tri del­la riv­iera bres­ciana. Sono Sirmione, Desen­zano, Maner­ba, Salò, Toscolano, Gargnano, Tig­nale e Tremo­sine. Con­trari­a­mente a quan­to accade­va in pas­sato quest’anno il servizio dovrebbe essere assi­cu­ra­to in tutte le cit­ta­dine. Gli scor­si anni infat­ti era­no sor­ti non pochi prob­le­mi per coprire i posti per caren­za di medici disponi­bili ad assumere l’incarico. Così era salta­to l’ambulatorio a Desen­zano men­tre, ad esem­pio, a Sirmione la pre­sen­za era assi­cu­ra­ta sì durante la set­ti­mana ma non nel fine set­ti­mana, cioè il saba­to e la domeni­ca, quan­do le pre­sen­ze di ospi­ti sono ele­vate e mag­giore è la doman­da. Ciò ave­va soll­e­va­to le proteste del sin­da­co del­la peniso­la Mau­r­izio Fer­rari. L’Asl ave­va rispos­to di aver atti­va­to tut­ti i canali pos­si­bili per ottenere la disponi­bil­ità di qualche medico. Sta­vol­ta tut­tavia la situ­azione è migliore, sec­on­do le infor­mazioni for­nite dal dott. Ange­lo Benedet­ti, respon­s­abile del dis­tret­to socio san­i­tario dell’Asl di Salò gra­zie ad un cod­i­cil­lo del­la Finanziaria. In pas­sato infat­ti solo i medici pote­vano rispon­dere all’avviso pub­bli­co dif­fu­so dall’Asl. Evi­den­te­mente la caren­za di per­son­ale inter­es­sa­va larghe zone se il Par­la­men­to ha pen­sato bene di decidere una dero­ga con­sen­ten­do ai medici che si stan­no spe­cial­iz­zan­do a tem­po pieno, i cosidet­ti bor­sisti, di pot­er assumere anche l’incarico ret­ribuito di guardia med­ica e di guardia tur­is­ti­ca. L’Asl che ha un accor­do con l’ di Bres­cia insom­ma dovrebbe sta­vol­ta rius­cire a coprire tut­ti i posti. Il ter­mine, come pre­vis­to dal ban­do emes­so dall’Asl di Bres­cia, è il 10 giug­no. E sta­vol­ta tut­to dovrebbe fun­zionare al meglio.

Parole chiave: