Conferenza pubblica, il 16 novembre, alla Casa degli Alpini di Lonato.

Prima Guerra Mondiale. Disvelarte prepara il centenario

Parole chiave:
Di Redazione

L’as­so­ci­azione DISVELARTE, con la parte­ci­pazione di alcu­ni Docen­ti del­l’U­ni­ver­sità di Bres­cia, del Grup­po di Lona­to del Gar­da e del­l’As­so­ci­azione Nazionale del Fante – Sezione di Lona­to del Gar­da, orga­niz­za saba­to 16 novem­bre 2013 una con­feren­za pub­bli­ca al tito­lo “Preparan­do il Cen­te­nario — Con­feren­za pub­bli­ca per conoscere e val­oriz­zare i man­u­fat­ti del­la Pri­ma Guer­ra Mon­di­ale nel­l’al­to Gar­da — Adamel­lo in preparazione del cen­te­nario del­lo scop­pio delle ostil­ità”. La sede sarà la Casa degli Alpi­ni di Lona­to del Gar­da.

L’in­con­tro pro­pos­to vuole essere un momen­to di appro­fondi­men­to rel­a­ti­va­mente all’im­mi­nen­za dei fes­teggia­men­ti per il cen­te­nario dell’inizio del­la Pri­ma Guer­ra Mon­di­ale atte­so per il 2014 in Europa e nelle zone d’I­talia allo­ra apparte­nen­ti all’Im­pero Aus­tro-Ungari­co e per il 2015 in Italia. In quest’oc­ca­sione si vuole fare il pun­to sul­lo sta­to di conoscen­ze rel­a­tive alle dotazioni tes­ti­mo­ni­ali rima­nen­ti di quest’even­to, per la Provin­cia di Bres­cia, così da pot­er approntare e con­frontar­si su alcune idee in mer­i­to a inter­ven­ti da attuar­si per val­oriz­zare l’even­to nel­la popo­lazione.

Il con­fron­to pre­vis­to vede il coin­vol­gi­men­to pas­si­vo di quelle isti­tuzioni che ammin­is­tra­no a vari titoli i luoghi che, allo­ra, furono inter­es­sati dagli even­ti bel­li­ci.

L’in­con­tro sarà quin­di strut­tura­to per pre­sentare quan­to si è appre­so in questi anni su quan­to anco­ra pre­sente nel ter­ri­to­rio del­la Provin­cia di Bres­cia e per sug­gerire una serie di inter­ven­ti da attuar­si per comu­ni­care in modo effi­ca­cie alla popo­lazione l’im­por­tan­za di tale data. Pres­so la Casa degli Alpi­ni di Lona­to del Gar­da in via Pozze n° 21/c a Lona­to l’in­con­tro sarà, aper­to al pub­bli­co, il 16 novem­bre 2013.

L’as­so­ci­azione DISVELARTE

L’associazione persegue esclu­si­va­mente final­ità cul­tur­ali ed ha lo scopo di val­oriz­zare l’ impeg­no cul­tur­ale, artis­ti­co e pro­fes­sion­ale iner­ente il set­tore dei beni cul­tur­ali e ambi­en­tali, del lin­guag­gio visi­vo e del­la pro­duzione artis­ti­ca in genere. L’as­so­ci­azione persegue inoltre il fine di sen­si­bi­liz­zare la soci­età per ridefinire il ruo­lo dei beni cul­tur­ali all’in­ter­no del tes­su­to sociale ed eco­nom­i­co medi­ante le attiv­ità che essa pro­pone. A tale fine potrà svol­gere attiv­ità di tutela, ges­tione, restau­ro e con­ser­vazione dei beni cul­tur­ali,

nonché pro­muo­vere man­i­fes­tazioni cul­tur­ali, inizia­tive didat­tiche di diver­so genere per adul­ti e per bam­bi­ni, cor­si di for­mazione, mostre, con­feren­ze, dibat­ti­ti, pub­bli­cazioni anche per con­to terzi e su sup­por­to di diver­sa natu­ra (car­taceo, mul­ti­me­di­ale ecc…) e inizia­tive varie. Tra gli scopi prin­ci­pali vi è inoltre la final­ità didat­ti­ca riv­ol­ta a isti­tu­ti sco­las­ti­ci ital­iani ed esteri di ogni ordine e gra­do anche pro­muoven­do azioni di valen­za inter­dis­ci­pli­nare insite nel­la pro­mozione e val­oriz­zazione dei beni cul­tur­ali.

All’in­ter­no del­l’as­so­ci­azione è cos­ti­tu­ito il grup­po di lavoro DISVELARTE: “Restau­ro & Con­ser­vazione” che ad opera degli stes­si ideatori, riprende e inte­gra l’es­pe­rien­za di “Recu­peran­do”: un grup­po di lavoro che, nato nel­l’aprile del 2005, si è occu­pa­to del­la mes­sa in sal­va­guardia dei beni, delle con­sulen­ze stori­co – critiche, del­la redazione ed ese­cuzione di lavori di con­ser­vazione.

La com­p­lessità del mod­er­no prog­et­to di con­ser­vazione esige una serie di mul­ti­dis­ci­pli­na­r­i­età che ven­gono sem­pre più richi­este anche dagli organi pre­posti alla tutela: il grup­po di lavoro si pone come momen­to di sin­te­si tra varie pro­fes­sion­al­ità nel cam­po delle con­ser­vazione e del restau­ro di opere d’arte.

Tut­ti gli attori del grup­po sono aggior­nati sulle più mod­erne conoscen­ze tec­niche – teoriche in mate­ria di restau­ro gra­zie alla parte­ci­pazione a con­veg­ni ed a cor­si di aggior­na­men­to costan­ti.

Il grup­po nasce dal­la volon­tà di oper­are nel com­p­lesso mon­do del­la con­ser­vazione dei beni mon­u­men­tali in modo rig­oroso e pro­fes­sion­ale con occhio atten­to alla mera con­ser­vazione delle trac­ce del pas­sato: ques­ta espe­rien­za viene poi river­sa­ta anche negli inter­ven­ti sui man­u­fat­ti non vin­co­lati.

L’attività del grup­po è in gra­do di spaziare dal­la sal­va­guardia tem­po­ranea e di emer­gen­za di situ­azioni di dan­no latente fino al ripristi­no in effi­cien­za del bene.

Final­ità

L’in­con­tro si pone come una gior­na­ta di stu­dio, nec­es­sari­a­mente lim­i­ta­ta nel­la scan­sione tem­po­rale pro­prio in fun­zione delle final­ità che si vogliono rag­giun­gere.

Queste sono rel­a­tive ad una sen­si­bi­liz­zazione nei con­fron­ti delle pub­bliche ammin­is­trazioni impeg­nate nei ter­ri­tori che furono, allo­ra, teatro del­la guer­ra e del­la popo­lazione res­i­dente nel­la provin­cia di Bres­cia in gen­erale.

Così facen­do si vuole iniziare con un suf­fi­ciente anticipo a ragionare con che modal­ità val­oriz­zare la conoscen­za del­l’even­to in occa­sione del soprag­giun­gere delle ricor­ren­ze rel­a­tive all’inizio delle ostil­ità.

L’oc­ca­sione vuole essere un appro­fondi­men­to sul­la neces­sità di con­ser­vare e val­oriz­zare le tes­ti­mo­ni­anze fisiche e di memo­ria col­let­ti­va anco­ra pre­sen­ti nel ter­ri­to­rio del­la provin­cia di Bres­cia così da cogliere l’oc­ca­sione per infor­mare la popo­lazione su un even­to non così lon­tano come è dato pen­sare.

Da molti anni, infat­ti, le tes­ti­mo­ni­anze fisiche del­la pri­ma guer­ra mon­di­ale sono ogget­to in provin­cia di Bres­cia e, mag­gior­mente nel resto d’I­talia, di una riva­l­u­tazione sia in ter­mine di memo­ria stor­i­ca che di resti mon­u­men­tali di man­u­fat­ti iner­en­ti i vari even­ti bel­li­ci.

I numerosi man­u­fat­ti anco­ra vis­i­bili sui luoghi del­la guer­ra pos­sono essere un momen­to di rilan­cio sociale ed eco­nom­i­co di vaste aree così come da anni sta avve­nen­do in altre zone europee (lin­ea Mag­inot, ecc) ed ital­iane (for­ti tren­ti­ni).

Il Pres­i­dente DISVLEARTE, Asso­ci­azione di San Felice del Bena­co (Bs)

Prof. Gia­co­mo Tur­ol­la

www.disvelarte.net

Email: associazione@disvelarte.net

(Nel­l’im­mag­ine: la Casa degli Alpi­ni di Lona­to — fonte: www.alpinilonato.it)

Parole chiave: