Se ne è parlato a lungo non solo in Italia ma anche nel mondo. Anche nel corso della radiocronaca conclusiva della prima parte della trionfale regata di "Luna Rossa".

Homerus alla Coppa America

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Luigi Del Pozzo

Home­rus sem­pre più a gon­fie vele, è pro­prio il caso dio dir­lo. Un prog­et­to, o meglio una sfi­da lan­ci­a­ta quaklche anno fa da Alessan­dro Gaoso con l’in­ten­to di fare nav­i­gare, o veleg­gia­re, su bar­ca a vela un equipag­gio di non veden­ti. Sem­bra­va impos­si­bile rius­cire in ques­ta impre­sa ed invece la scommes­sa è sta­ta vin­ta. E di questo prog­et­to se ne è par­la­to a lun­go non solo in Italia ma anche nel mon­do. Anche nel cor­so del­la radiocronaca con­clu­si­va del­la pri­ma parte del­la tri­on­fale rega­ta di “Luna Rossa”, di Cop­pa Amer­i­ca, lo skip­per-com­men­ta­tore Mau­ro Pelaschi­er non ha man­ca­to di inviare un salu­to, via satel­lite, ai com­po­nen­ti di questo prog­et­to, ricor­dan­do l’inizia­ti­va ed i pro­mo­tori. Un grande gesto di sol­i­da­ri­età, e non di com­pas­sione, ver­so questi ragazzi la cui cecità impedisce loro di vedere ma non per questo pri­vati dal­la pos­si­bil­ità e volon­tà di osare. A loro Gaoso ha aper­to io mon­do del­lo sport prat­i­ca­to, del­lo sport sospe­so fra acqua e cielo ed il cui silen­zio è rot­to dal rumore del ven­to che si infrange sulle vele e, a volte dalle urla dei com­po­nen­ti dei vari equipag­gi impeg­nati in regate più o meno impor­tan­ti. Fra queste vele spes­so si scorge quel­la col­orata di mar­rone che seg­nala la pre­sen­za di un equipag­gio di non veden­ti. Nes­sun favore o nes­sun van­tag­gio a ques­ta imbar­cazione, sola­mente rispet­to per l’im­peg­no con cui questo ragazzi si stan­no con­for­t­an­do. E Pelaschi­er ha volu­to, nel suo salu­to, far sapere a tut­ti quei mil­ioni di per­sone che, nonos­tante l’o­ra in cui Luna Rossa rega­ta, stan­no davan­ti al tele­vi­sore, che sulle acque del , e non solo, alcu­ni equipag­gi di non veden­ti con­ducono imbar­cazioni, nat­u­ral­mente di dimen­sioni più ridotte ed adat­te in acque interne, come quelle impeg­nate in Cop­pa Amer­i­ca. Saba­to 26 mar­zo, pres­so l’Enote­ca “Gar­da & ” di Moni­ga del Gar­da, l’as­so­ci­azione Home­rus pre­sen­terà un cor­so teori­co di matche-rache (le stesse uti­liz­zate in Cop­pa Amer­i­ca), sia per non veden­ti che veden­ti, che si ter­rà nel­lo stes­so pomerig­gio, a par­tire dalle 14,30, pres­so il Cir­co­lo Vela di Gargnano.

Parole chiave: