Domenica 3 novembre, a conclusione della Stagione Lirica 2012-2013 della Fondazione Arena di Verona.

I Capuleti e i Montecchi di Vincenzo Bellini. Debutto al Teatro Filarmonico

31/10/2013 in Musica lirica
Di Redazione

Domeni­ca 3 novem­bre 2013 alle ore 15.30 al Teatro Filar­mon­i­co debut­ta I Capuleti e i Mon­tec­chi di Vin­cen­zo Belli­ni, a con­clu­sione del­la Sta­gione Lir­i­ca 2012–2013 del­la Fon­dazione Are­na di Verona. Dirige l’Orchestra e il Coro are­ni­ani il M° Fab­rizio Maria Carmi­nati, fir­ma la regia Arnaud Bernard, le scene Alessan­dro Cam­era ed i cos­tu­mi Maria Car­la Ricot­ti per il nuo­vo alles­ti­men­to del­la Fon­dazione Are­na di Verona in copro­duzione con il Gran Teatro La Fenice di Venezia e la Greek Nation­al Opera.

Il tito­lo repli­ca per 4 date: mart­edì 5 novem­bre ore 20.00, giovedì 7 novem­bre ore 20.00, domeni­ca 10 novem­bre ore 15.30 e mart­edì 12 novem­bre ore 20.00.

I Capuleti e i Mon­tec­chi di Belli­ni è un’opera in due atti com­pos­ta in un mese e mez­zo, che vede la sua pri­ma al Teatro La Fenice di Venezia l’11 mar­zo 1830 per la sta­gione di Carnevale. Il libret­to è di Felice Romani, ria­dat­ta­to da quel­lo scrit­to cinque anni pri­ma per l’omonima opera di Nico­la Vac­caj, per far fronte ai tem­pi stret­ti dati a Belli­ni per la com­po­sizione. La fonte non è Shake­speare, ma la tradizione nov­el­lis­ti­ca ed il gus­to per il revival goti­co caro ai Roman­ti­ci, tra cui soprat­tut­to Dell’istorie del­la Cit­tà di Verona di Giro­lamo Dal­la Corte, i Quat­tro lib­ri delle nov­el­le di Mat­teo Ban­del­lo, il Giuli­et­ta e Romeo di Lui­gi Scevola ed il bal­let­to Le tombe di Verona, ossia Giuli­et­ta e Romeo del core­ografo Anto­nio Cheru­bi­ni.

Ambi­en­ta­ta nel XIII sec­o­lo, la vicen­da pre­sen­ta alcune novità ampia­mente lon­tane dal­la trage­dia shake­spear­i­ana: Romeo e Giuli­et­ta sono già aman­ti; il promes­so sposo di Giuli­et­ta volu­to da Capel­lio si chia­ma Tebal­do (e non Paride); Romeo figu­ra a capo dei Mon­tec­chi, sostenu­ti dal­la fazione dei Ghi­belli­ni, men­tre i Capuleti sono sostenu­ti dai Guelfi; Loren­zo è medico di famiglia dei Capuleti (e non frate); infine Giuli­et­ta muore di crepacuore sul cor­po dell’amato (e non si pug­nala).

Belli­ni per la par­ti­tu­ra attinge a motivi del­la sua Zaira, l’opera dell’anno prece­dente che ave­va ottenu­to un clam­oroso insuc­ces­so, sot­to­po­nen­doli ad un’accurata rielab­o­razione, oltre che a par­ti del suo pri­mo sag­gio di Con­ser­va­to­rio Adel­son e Salvi­ni. Se i recita­tivi nar­ra­no la vicen­da e intro­ducono i per­son­ag­gi, le arie bellini­ane esp­ri­mono forte­mente il sen­ti­men­to di vol­ta in vol­ta diver­so di cias­cun carat­tere, pre­sen­tan­do una par­ti­tu­ra di asso­lu­ta moder­nità, ritenu­ta dai più un cap­ola­voro asso­lu­to del bel­can­to.

Tut­ti questi ele­men­ti ven­gono por­tati sul pal­cosceni­co del Teatro Filar­mon­i­co dal 3 al 12 novem­bre 2013 sot­to la regia di Arnaud Bernard, dopo 35 anni di assen­za di questo tito­lo dall’ultima rap­p­re­sen­tazione veronese del 1978.

Bernard guar­da al dram­ma dei due aman­ti scaligeri con l’occhio del­lo spet­ta­tore mod­er­no, «abit­u­a­to al real­is­mo cin­e­matografi­co oppure alle crudeli ver­ità del mon­do rac­con­tate dal­la tv», per il quale il libret­to del Romani, se pur ele­gante, risul­ta «poco cred­i­bile e quin­di poco com­movente ed in defin­i­ti­va poco coin­vol­gente».

«È per­tan­to respon­s­abil­ità del reg­ista – pros­egue Bernard nelle sue note di regia – trovare una chi­ave di let­tura, che pos­sa far emerg­ere nuove ten­sioni, cre­an­do così un mon­do teatrale più forte, mod­er­no e coer­ente con la forza del­la musi­ca». Ne risul­ta così «un’opera da museo», come la definisce lo stes­so reg­ista, una sor­ta di opera d’arte pro­tet­ta da una teca, «che pos­si­amo con­tem­plare ma non rius­ci­amo a toc­care». Per questo la vicen­da è ambi­en­ta­ta all’interno di un museo, dove i per­son­ag­gi escono dai quadri per dare vita al rac­con­to degli aman­ti di Verona, nel­la «trasparen­za disc­re­ta e nos­tal­gi­ca del sog­no e dell’illusione».

Dirige l’Orchestra dell’Arena di Verona il mae­stro Fab­rizio Maria Carmi­nati. Inter­preti prin­ci­pali molte voci nuove per il pal­co del Teatro Filar­mon­i­co: nel ruo­lo di Giuli­et­ta si altern­er­an­no Mihaela Mar­cu (3, 7, 10, 12/11), al suo debut­to al Filar­mon­i­co di Verona, e Rosan­na Savoia (5/11); saran­no Romeo Daniela Pini (3, 7, 10, 12/11) e, per la pri­ma vol­ta sul pal­co scaligero, Natalia Grav­i­lan (5/11). Tebal­do sarà inter­pre­ta­to da Shal­va Muk­e­ria (3, 5, 10/11) che si darà il cam­bio con Gia­co­mo Pat­ti (7, 12/11), entram­bi al loro debut­to veronese; infine Pao­lo Battaglia vestirà i pan­ni di Capel­lio e Dario Rus­so, alla sua Pri­ma al Filar­mon­i­co, quel­li di Loren­zo. Il Coro dell’Arena di Verona darà voce alle famiglie dei Mon­tec­chi e dei Capuleti.

Oggi, giovedì 31 otto­bre, alle ore 18.00 in Sala Filar­mon­i­ca tor­na l’appuntamento con l’approfondimento operi­s­ti­co, orga­niz­za­to in col­lab­o­razione con Verona Lir­i­ca e Ami­ci del Filar­mon­i­co, sul tito­lo I Capuleti e i Mon­tec­chi di Vin­cen­zo Belli­ni. Rela­tore il musi­col­o­go Davide Anna­chi­ni. Ingres­so libero.

Per Antepri­ma Gio­vani 2012–2013, sem­pre giovedì 31 otto­bre, alle ore 15.00 pro­va gen­erale dell’opera I Capuleti e i Mon­tec­chial Teatro Filar­mon­i­co riv­ol­ta a tut­ti gli Under 30 a soli 5 €.

Per infor­mazioni con­tattare l’Ufficio For­mazione:

tel. (+39) 045 8051933 — fax (+39) 045 590638 — ufficio.formazione@arenadiverona.it

Si rin­no­va anche per questo tito­lo l’offer­ta spe­ciale riv­ol­ta ai gio­vani Under 30: bigli­et­to d’ingresso a soli 15 Euro per le ser­ate di mart­edì 5giovedì 7 e mart­edì 12 novem­bre fino ad esauri­men­to disponi­bil­ità. È pos­si­bile acquistare un solo bigli­et­to pres­so la Bigli­et­te­ria del Teatro Filar­mon­i­co, esi­ben­do un doc­u­men­to d’identità.

Infor­mazioni e preno­tazioni
Bigli­et­te­ria del Teatro Filar­mon­i­co — via dei Muti­lati 4/k, 37122 Verona
tel. (+39) 045 8002880 — fax 045 8013266 — Call cen­ter (+39) 045 8005151 — www.arena.it

Novem­bre 2013

domeni­ca 3 novem­bre 2013, ore 15.30

mart­edì 5 novem­bre ore 20.00 - giovedì 7 novem­bre ore 20.00

domeni­ca 10 novem­bre ore 15.30 - mart­edì 12 novem­bre ore 20.00

I CAPULETI E I MONTECCHI

Musi­ca di Vin­cen­zo Belli­ni

Libret­to di Felice Romani
Diret­tore                                Fab­rizio Maria Carmi­nati

Regia                                      Arnaud Bernard

Scene                                      Alessan­dro Cam­era

Cos­tu­mi                                  Maria Car­la Ricot­ti


Per­son­ag­gi e inter­preti

Capel­lio                                  Pao­lo Battaglia

Giuli­et­ta                                 Mihaela Mar­cu (3, 7, 10, 12/11)

                 Rosan­na Savoia (5/11)

Romeo                                    Daniela Pini (3, 7, 10, 12/11)

                 Natalia Gavri­lan (5/11)

Tebal­do                                  Shal­va Muk­e­ria (3, 5, 10/11)

                 Gia­co­mo Pat­ti (7, 12/11)

Loren­zo                                  Dario Rus­so

 

Orches­tra, Coro e Tec­ni­ci dell’Arena di Verona

Mae­stro del Coro                           Arman­do Tas­so

Diret­tore Alles­ti­men­ti sceni­ci    Giuseppe De Fil­ip­pi Venezia

Nuo­vo alles­ti­men­to in copro­duzione tra Fon­dazione Are­na di Verona,

Gran Teatro La Fenice di Venezia e Greek Nation­al Opera.