L’iniziativa del Consorzio selezione vini italiani. Joe Rossetti (Usa) contro il manerbese Crescini

I cuochi accendono la sfida

06/04/2004 in Enogastronomia
A Affi
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo

All’Agriturismo Maigone di Pueg­na­go, davan­ti a cir­ca ses­san­ta oper­a­tori del set­tore enogas­tro­nom­i­co e alberghiero ital­iano ed amer­i­cano, han­no incro­ci­a­to i for­nel­li gli chef Rober­to Cresci­ni del Moro Bian­co di Maner­ba e Joe Ros­set­ti del ris­torante Molivé apparte­nente alla cate­na The White­hall Hotel di Chica­go. La sin­go­lare inizia­ti­va sostenu­ta dal Con­sorzio selezione vini ital­iani di Roè Vol­ciano ha vis­to i due pro­fes­sion­isti cimen­ta­r­si nel­la preparazione di piat­ti fra loro molto diver­si: da quel­li mag­gior­mente col­le­gati ai bres­ciani, sino a giun­gere a più ardite pro­poste che han­no per­al­tro trova­to la calorosa approvazione degli ospi­ti. La ser­a­ta, inizia­ta come sim­pat­i­ca com­pe­tizione fra i due chef, in breve si è trasfor­ma­ta nel pre­lu­dio ad un doveroso tra le due «scuole di pen­siero gas­tro­nom­i­co»; fra i due ris­toran­ti sono infat­ti in cor­so accor­di su sin­gole inizia­tive che vedran­no «Il Moro Bian­co» trasfor­mar­si in lab­o­ra­to­rio di sper­i­men­tazione gas­tro­nom­i­ca. Pao­lo Milani, diret­tore del Con­sorzio selezione vini ital­iani, ha con­fer­ma­to il suo impeg­no e quel­lo dei con­sorziati inter­venu­ti all’evento nel­la pro­mozione costante dell’elevata qual­ità dei nos­tri prodot­ti enogas­tro­nomi­ci all’estero.

Parole chiave: -