Dal 25 aprile al 1° maggio l’antico borgo collinare ospita l’11ª edizione della festa. Domani ricca anteprima con l’inaugurazione di due mostre

I fiori colorano le vie di Castellaro

Di Luca Delpozzo
Castellaro Lagusello

Sarà inau­gu­ra­ta il 25 aprile l’11ª edi­zione del­la Fes­ta dei Fiori di Castel­laro Lagusel­lo, una man­i­fes­tazione in con­tin­ua cresci­ta, come con­fer­mano Emilio Crosato e Rena­to Laf­fran­chi­ni, dell’associazione cul­tur­ale «Ami­ci di Castel­laro». «Atten­di­amo anche quest’anno decine di migli­a­ia di vis­i­ta­tori. Gente che ritor­na sod­dis­fat­ta in questo pic­co­lo bor­go che diven­ta sim­bo­lo del fiore, del­la natu­ra e del­la cul­tura, ma anche nuovi vis­i­ta­tori che si inoltra­no nel­la corte alla ricer­ca di sen­sazioni per­dute». La fes­ta di Castel­laro (Mon­zam­bano), che gode del sig­ni­fica­ti­vo patrocinio del­la Regione, del­la Provin­cia di Man­to­va e di altri enti pub­bli­ci, domani 21 aprile vivrà un pro­l­o­go con l’inaugurazione di due mostre: una ded­i­ca­ta alle far­falle, cura­ta da Gio­van­ni Sala, e l’altra alle opere di Richard Keller, uno dei più noti dis­eg­na­tori europei di piante e fiori in ambi­ente. Il 25 aprile, gior­na­ta di inau­gu­razione, sarà aper­ta alle 9.30 in Corte Uccel­lan­da la mostra fotografi­ca di Cesare Salan­di­ni sul­lo stu­pen­do mosaico di flo­ra e fau­na che com­pone le . Sem­pre in Corte Uccel­lan­da ma alle 9.45 tavola roton­da eno-gas­tro­nom­i­ca sui «Col­li moreni­ci da gustare», coor­di­na­ta da Ren­zo Dall’Ara. Tut­to questo men­tre in piaz­za Gen­erale Orlan­di sarà allesti­to un mer­ca­to di prodot­ti bio­logi­ci in col­lab­o­razione con Legam­bi­ente di Mon­zam­bano e l’associazione «» che ha sede a Lona­to. Inoltre dal 25 aprile al 1 mag­gio il grup­po musi­cale «La Rossig­nol» ter­rà con­cer­ti­ni con arie e danze rinasci­men­tali. Domeni­co Baro­nio, Clau­dio De Miche­li, Mat­teo Pagliari e Rober­to Quintarel­li, vesti­ti con cos­tu­mi rinasci­men­tali e usan­do curiosi stru­men­ti d’epoca (flau­ti, bom­barde, liu­ti, chi­tar­ri­ni…), attra­ver­so l’uso di un reper­to­rio di musiche orig­i­nali, creer­an­no le atmos­fere tipiche delle antiche feste cor­ti­giane e popo­lari, coin­vol­gen­do anche gli spet­ta­tori in facili e diver­ten­ti danze. Saba­to 27 aprile alle ore 16 anco­ra in Corte Uccel­lan­da, l’archeologo Alber­to Crosato par­lerà delle emer­gen­ze arche­o­logiche del bas­so Gar­da. Mer­coledì 1 mag­gio alle 9.30 la nat­u­ral­ista cavri­anese Lau­ra Dar­ra con la col­lab­o­razione del Grup­po ital­iano ricer­ca orchidee spon­ta­nee «Monte Bal­do», pre­sen­terà «Le orchidee spon­ta­nee delle colline moreniche del Gar­da». La Fes­ta dei Fiori (vis­itabile tut­ti i giorni fes­tivi dalle ore 10 alle 20) vedrà il cen­tro stori­co di Castel­laro arreda­to per dieci giorni non solo di ban­car­elle colme di fiori, alberi e arti­coli col­le­gati al verde (ceramiche, quadri, essen­ze, bon­sai, miele), ma anche di ambi­en­tazioni prog­et­tate quest’anno da Mar­co Bernardel­li e real­iz­zate con la col­lab­o­razione dell’azienda agri­co­la Hob­by Verde di Carpenedo­lo, dei vivai Bertagna di Cam­pag­no­lo (Mn) e dell’azienda agri­co­la Bernardel­li di Cas­tel Belforte.