Oggi il terzo compleanno «Over 100» del mese d’agosto, dopo i 101 di Gina Mazzoleni e Carlo Grossi. Nonna Annunciata raggiunge quota 103. I segreti della longevità

I giorni degli ultracentenari

27/08/2006 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

Addirit­tura tre in pochi giorni, a Salò, i com­plean­ni ultra­cen­te­nari. Lucrezia Gina Maz­zoleni e Car­lo Grossi han­no taglia­to il tra­guar­do dei 101 anni il 16 agos­to, men­tre Annun­ci­a­ta Ped­er­neschi fes­teggerà i 103 pro­prio oggi. Tut­ti e tre vivono anco­ra nel­la pro­pria abitazione e, in un cer­to sen­so, dimostra­no che agos­to è il mese dei cen­te­nari. Il grup­po dei più anziani res­i­den­ti in paese è aper­to da Maria Bonaz­za, una suo­ra del Monas­tero del­la Vis­i­tazione (103 com­piu­ti il 4 giug­no, la pri­ma in grad­u­a­to­ria), e com­ple­ta­to da Maria Cribel­lati, ospi­ta­ta alla casa di riposo, 101 lo scor­so 1 gen­naio. Al 6° e al 7° pos­to le 99enni Fontana e Gen­tili. Tra i com­plean­ni di questi giorni, Grossi è l’unico uomo dell’elenco. Abi­ta in via Garibal­di con la moglie Anna Maria di 91 anni, e uno splen­di­do gat­to per­siano. E’ sem­pre in movi­men­to, e lo si incon­tra spes­so nel cen­tro stori­co. Orig­i­nario di , è lau­re­ato in Ingeg­ne­r­ia civile al Politec­ni­co. «Quan­do mi sono trasfer­i­to sul lago (pri­ma a Gar­done, poi a Salò), con­tin­u­a­vo ad andare negli uffi­ci di Milano o nel­la fab­bri­ca di Como un paio di volte alla set­ti­mana. Con l’età ho dovu­to ridi­men­sion­are l’attività. Con­tin­uo comunque ad ammin­is­trare un paio di con­do­mi­ni». Il seg­re­to del­la longevità? «Salute, buon­u­more e fare indis­pet­tire l’avversario», repli­ca pronta­mente. Sostiene che non è nec­es­sario avere alle spalle un soli­do cep­po famil­iare (suo padre è mor­to ad appe­na 48 anni). E spie­ga l’alimentazione quo­tid­i­ana: al mat­ti­no yogurth, caf­fè lat­te e bis­cot­ti; a mez­zo­giorno pas­ta­s­ciut­ta con l’olio (e niente bur­ro), pesce o carne, ver­du­ra e mol­ta frut­ta; alla sera minest­ri­na, un uovo, un paio di fette di pro­sciut­to, poco for­mag­gio. E poi mez­zo bic­chiere di rosso, che acquista da un ami­co di cam­pagna. L’ingegnere è sta­to pres­i­dente del cir­co­lo salo­di­ano di Forza Italia, ma nel ’95 ha dato le dimis­sioni. Ogni giorno legge un quo­tid­i­ano e la Set­ti­mana enig­misti­ca. Le parole cro­ci­ate, i quiz e i rebus sono la grande pas­sione anche di Gina Maz­zoleni, il cui albero genealogi­co affon­da le radi­ci nel­la sto­ria. Un suo ante­na­to, Giuseppe, fu il con­dot­tiero dei cen­to mil­i­tari man­dati a spese del­la Comu­nità garde­sana alla battaglia di Lep­an­to del 1570, con­tro i Turchi. La «gemel­la» del sign­or Car­lo (entram­bi nati nel­lo stes­so giorno) abi­ta in vico­lo Cam­panile, assis­ti­ta da una badante. Non si è mai sposa­ta, e difende con le unghie la sua autono­mia. A 15 anni ha com­in­ci­a­to a lavo­rare nel mag­a­zz­i­no del Monop­o­lio di Sta­to, in via Rive, poi il trasfer­i­men­to alla faleg­name­ria Bas­sani e, dal ’45, al Calza­tu­rifi­cio del­la famiglia Tran­quil­li. Nel ’65, rag­giun­ta la pen­sione, ha pre­so servizio in par­roc­chia, nei locali a fian­co del Duo­mo, seg­re­taria (fidatis­si­ma) fino al ’95 di ben quat­tro mon­signori: Domeni­co Bon­di­oli, Gian­ni Capra, Pao­lo Zanet­ti e Francesco Andreis. Gina ha una sorel­la, cinque nipoti e sei pronipoti. Uno di loro, che abi­ta a Bologna, ha una bam­bi­na di pochi mesi: cen­to anni di dif­feren­za per quat­tro gen­er­azioni. Infine pro­prio oggi Annun­ci­a­ta Ped­er­neschi, vedo­va Franchi, fes­teggia i 103. Risiede in viale Bossi, ospi­ta­ta dal­la figlia Lau­ra e del gen­ero, segui­ta con atten­zione anche dagli altri due figli, Car­lo e Bice. Costret­ta sul­la sedia a rotelle, è sem­pre luci­da di mente e, a volte, rica­ma sen­za gli occhiali. Orig­i­nar­ia di Cal­va­tone, in provin­cia di Cre­mona, ha sgob­ba­to dura­mente in cam­pagna. Dopo avere vis­su­to a lun­go a Tori­no, 14 anni fa ha rag­giun­to la figlia, trasfer­i­tasi da Tav­er­nole a S.Felice del Bena­co e, dal 2002, a Salò. La sig­no­ra Annun­ci­a­ta brinderà attor­ni­a­ta dai tre figli, dal­la nuo­ra Ele­na, dal gen­ero Gigi, da cinque nipoti e sei pronipoti.

Parole chiave: -