In ricordo di Vittorio Zenegaglia

I° Maggio

30/04/2003 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Silvio Stefanoni

Il I mag­gio di trent’anni fa mori­va a Napoli dove si era reca­to per l’adunata nazionale degli Vit­to­rio Zene­gaglia . Vit­to­rio Zene­gaglia classe 1893 , com­bat­tente del­la I Guer­ra Mon­di­ale , alpino del Battaglione Mon­te­beri­co , fer­i­to e dec­o­ra­to sul Pasubio è sta­to uno dei fonda­tori del Grup­po Alpi­ni Poz­zolen­go e del quale fu capogrup­po prati­ca­mente da sem­pre . Era anche il fonda­tore del­la Casa Vini­co­la Zene­gaglia che oggi por­tano avan­ti suo figlio Car­lo anche lui alpino e già capogrup­po delle penne nere di Poz­zolen­go e i nipoti . Aprì anche la Locan­da “ All’Alpino “ tutt’ora esistente e con­dot­ta da due delle sue figlie : Bian­ca e Rosan­na . Vit­to­rio Zene­gaglia era par­ti­to con alcu­ni alpi­ni di Poz­zolen­go per il Raduno Nazionale degli Alpi­ni del I mag­gio 1973 che si tene­va a Napoli . Durante la sfi­la­ta alla quale sia pure ottant’enne volle parte­ci­pare si sen­ti male . Pronta­mente soc­cor­so dal figlio Car­lo e dagli alpi­ni di Poz­zolen­go fu trasfer­i­to all’Ospedale dei Pel­le­gri­ni dove purtrop­po alle 17 , 30 del­lo stes­so giorno spirò . Per­sona sem­plice , disponi­bile , buona , la sua scom­parsa sus­citò un unanime rin­cresci­men­to nei poz­zolengh­e­si che ha dis­tan­za di trent’anni anco­ra lo ricor­dano con immu­ta­to affet­to .

Parole chiave: