Symbol & Simbol Tre giorni sul lago con una rassegna che vede insieme Ferrari, scafi Riva e film sui Tornado

I miti dell’Italia sotto i riflettori

Di Luca Delpozzo
a.j.

Tre nomi tra i più impor­tan­ti dell’industria ital­iana: Fer­rari, Riva e Tor­na­do pre­sen­ti in con­tem­po­ranea per tre giorni sulle rive del Gar­da. Auto, nau­ti­ca e avi­azione sono infat­ti le tre com­po­nen­ti prin­ci­pali del­la man­i­fes­tazione «Sym­bol & Simbol»,che vede come pro­tag­o­niste, da oggi al 23 alcune tra le più belle e impor­tan­ti local­ità del lago: Desen­zano, Sirmione e il di Valeg­gio. Una rasseg­na ad alto liv­el­lo, ani­ma­ta da Alba Pari­et­ti con in pri­mo piano una ses­san­ti­na delle mitiche «Rosse» di Maranel­lo (solo su invi­to) oggi più che mai nel cuore di tut­ti gli ital­iani, e degli intra­montabili scafi, sia quel­li di oggi che quel­li di leg­no real­iz­za­ti negli anni pas­sati dai maestri d’ascia dei cantieri Riva di Sar­ni­co e anco­ra oggi veri e pro­pri ogget­ti del deside­rio di moltissi­mi esti­ma­tori. Una sto­ria, una leggen­da, una tradizione quel­la lega­ta in par­ti­co­lare ai Riva “barche di leg­no” come nes­sun altro cantiere è rius­ci­to e dif­fi­cil­mente rius­cirà a real­iz­zare, e alle Fer­rari del miti­co “Cavallino”(immagine adot­ta­ta inizial­mente dal pilota Francesco Barac­ca, medaglia d’oro dell’aviazione del­la Grande Guer­ra) che han­no con­tribuito e con­tribuis­cono a tenere alta in tut­to il mon­do, la tradizione e la cre­ativ­ità tut­ta ital­iana. Il cantiere Riva, dopo essere sta­to in mano per una deci­na d’anni agli ingle­si del­la Rolls Royce Motors di Crewe, è nuo­va­mente pas­sato nelle mani di impren­di­tori ital­iani essendo, sta­to di recente acquis­ta­to dal pres­ti­gioso cantiere Fer­ret­ti. «Ovvi­a­mente i Tor­na­do (uno dei veliv­oli più sofisti­cati a dis­po­sizione del mon­do occi­den­tale e dato in dotazione per pri­mi in Italia ai “Diavoli rossi” del 6° Stor­mo), per motivi tec­ni­ci», ha fat­to pre­sente Curzio Moret­ti nel cor­so del­la con­feren­za stam­pa di pre­sen­tazione del­la man­i­fes­tazione avvenu­ta al ris­torante Vec­chia Lugana, «non sarà pos­si­bile aver­li in passerel­la sulle rive del lago». «Al suo pos­to in piaz­za Malvezzi a Desen­zano vi sarà un mod­el­li­no di cir­ca due metri che rispec­chia l’originale», ha sot­to­lin­eato il rap­p­re­sen­tante del Riva club del Gar­da, orga­niz­za­tore del­la man­i­fes­tazione, e si potran­no vedere video e fil­mati uffi­ciali, su max­is­cher­mo, dei Tor­na­do del 6° Stor­mo. Nel cielo del Gar­da sfrecceranno,invece, effet­tuan­do spet­ta­co­lari evoluzioni, i “Lear­jet 35” del­la soci­età Aliv­en». Arti­co­la­to il pro­gram­ma del­la man­i­fes­tazione pro­mossa dall’Assessorato al Tur­is­mo di Desen­zano assieme al Riva Club del Gar­da, il Fer­rari Owner’s Club Scaligero e il 6° Stor­mo di Ghe­di. La pre­sen­tazione avver­rà al “ club”, ques­ta sera con invi­tati assieme alla Pari­et­ti anche gli Avion Trav­el. Domani arri­vo al Por­to Vec­chio di Desen­zano delle Fer­rari, degli scafi Riva e proiezione dei fil­mati del 6° Stor­mo (ore 10,30) il tut­to in col­lab­o­razione con gli “Ami­ci del por­to, il Caf­fè Italia e il . Nel pri­mo pomerig­gio al ris­torante Mari­na del West Gar­da intrat­ten­i­men­to musi­cale e asta di ogget­ti Riva e Fer­rari a scopo benefi­co a favore dell’Associazione nazionale famiglie fan­ci­ul­li hand­i­cap­pati di Desen­zano; alle 16 sfi­la­ta degli scafi e delle auto a Sirmione nel­la piaz­za anti­s­tante il castel­lo Scaligero e rien­tro al Por­to vec­chio di Desen­zano. Il cock­tail par­ty e la ser­a­ta di gala è fis­sa­ta al teatro nat­u­rale del Par­co Sig­urtà con video proiezione di fil­mati su maxi-scher­mo e intrat­ten­i­men­to musi­cale con la Sym­bol Band. Domeni­ca, con­cer­to, pas­sag­gio con evoluzioni di “Lear­jet 35” e con­seg­na delle targhe ricordo.