Rock Master seconda giornata: alberghi e ristoranti già gongolano Marchi: «Tifosi turisti anche quest'anno» Al Climbing Stadium aboliti i tempi morti: spettacolo no stop

I «ragni» fanno il pieno

08/09/2002 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
Arco

Il boom di pre­sen­ze è pre­vis­to per oggi, quan­do l’at­mos­fera ai pie­di del­la parete arti­fi­ciale di Pra­bi si farà a dir poco elet­triz­zante e i big del­l’ar­rampi­ca­ta mon­di­ale si sfider­an­no in una gara all’ul­ti­mo appiglio da cui uscirà il vinci­tore del Rock Mas­ter 2002. La man­i­fes­tazione arcense ha aper­to i bat­ten­ti ieri mat­ti­na e gra­zie anche alla clemen­za di Giove Plu­vio, almeno nel­la pri­ma parte del­la gior­na­ta, il par­co del Climb­ing Sta­di­um è sta­to pre­so d’as­salto da numerosi appas­sion­ati sportivi. «Siamo in lin­ea con i numeri del­lo scor­so anno — ha com­men­ta­to il pres­i­dente del comi­ta­to orga­niz­za­tore Albi­no Marchi — almeno per quan­to con­cerne la pri­ma gior­na­ta di gare. Anche ques­ta vol­ta il flus­so mag­giore arri­va durante il giorno in ser­a­ta, in maniera da essere pre­sen­ti fin dal mat­ti­no alla gara finale». Il Rock Mas­ter, come tutte gli even­ti ded­i­cati al popo­lo gio­vanile, muove centi­na­ia di per­sone. Con evi­den­ti riper­cus­sioni sul­l’e­cono­mia del­la zona. «Cer­ta­mente tut­ta ques­ta gente da qualche parte va a man­gia­re, soprat­tut­to la sera. E da qualche parte tut­ta ques­ta gente va anche a dormire. Quin­di pen­so pro­prio che per alberghi, ris­toran­ti, pizzerie e campeg­gi il ritorno sia tan­gi­bile». Davvero nutri­to il pro­gram­ma allesti­to dal diret­tore tec­ni­co Ange­lo Seneci per ques­ta edi­zione. A dif­feren­za degli anni pas­sati si è deciso di puntare su solo due giorni di gare, così da ren­dere il tut­to alta­mente spet­ta­co­lare. Annul­lan­do tut­ti i tem­pi mor­ti e costrin­gen­do tut­ti a stare costan­te­mente con il naso per aria e con la boc­ca aperta.