Settimana dannunziana. Assaggi e giardini fioriti in onore del Vate

I sapori del lago tutti da gustare

22/09/2001 in Avvenimenti
Parole chiave: - -
Di Luca Delpozzo
se.za.

In occa­sione dei dieci giorni ded­i­cati a Gabriele D’An­nun­zio, il lun­go­la­go di Gar­done è sta­to trasfor­ma­to in uno spazio verde. Un vivaio di Lona­to ha infat­ti allesti­to nelle tre piazzette un gia­rdi­no com­pos­to da pra­to, cespugli fior­i­ti ed essen­ze. Oggi, dalle ore 17.30 alle 21.30, questi angoli accoglier­an­no cinque alles­ti­men­ti par­ti­co­lari, ded­i­cati ai del­la Riv­iera bres­ciana: il , l’o­lio, il limone, il for­mag­gio e il pesce. Questi «sapori» ver­ran­no rac­con­tati attra­ver­so l’e­s­po­sizione di ogget­ti stori­ci utili alla loro colti­vazione e lavo­razione: vec­chie bot­ti, antichi car­ret­ti per il trasporto del­l’u­va e l’e­s­po­sizione dei limoni, zan­gole, una bar­ca di pesca­tori, reti. Cias­cu­na sce­na sarà com­ple­ta­ta da una tavola apparec­chi­a­ta in stile dan­nun­ziano, dove sarà pos­si­bile degustare il rosso, il bian­co o il , l’ex­travergine, le for­maggelle di Tremo­sine, i pesci­oli­ni frit­ti, il gela­to, i dol­ci al limone, il liquore al cedro. Il buono per gli assag­gi cos­ta 15 mila lire. E’ acquista­bile pres­so i locali pub­bli­ci e i negozi del cen­tro (in omag­gio si riceve il bic­chiere in vetro del­la man­i­fes­tazione). L’even­to, cura­to dal comune e dal­la Asso­ci­azione Gar­doneEu­ropa, è orga­niz­za­to in col­lab­o­razione con «La stra­da dei vini bres­ciani del Gar­da», che ha con­sen­ti­to di reperire gli ogget­ti stori­ci e buona parte dei prodot­ti esposti. Anche il Par­co del­l’Al­to lago, la Comu­nità e sosten­i­tori pri­vati han­no for­ni­to un impor­tante aiu­to. Nel pomerig­gio torner­an­no le trenta autovet­ture che han­no effet­tua­to il raid a Vien­na, ricor­dan­do il volo in aereo del Vate. E, in ser­a­ta, i piloti parteciper­an­no al pran­zo di gala al Savoy. Domani, domeni­ca, a con­clu­sione del­la rasseg­na, gli stu­den­ti del­l’Is­ti­tu­to alberghiero «Cate­ri­na de’ Medici», gui­dati dai loro pro­fes­sori di cuci­na, real­izzer­an­no sul lun­go­la­go un pran­zo cos­ti­tu­ito da piat­ti cuci­nati sec­on­do ricette dan­nun­ziane. Chi desiderasse parte­ci­pare dovrà preno­tare il pos­to a tavola acqui­s­tan­do il menu, in ven­di­ta a 45 mila lire, nei locali di Gar­done. In caso di mal­tem­po, sia le degus­tazioni che il pran­zo ver­ran­no servi­ti all’in­ter­no di bar, ris­toran­ti, ecc. del lungolago.

Parole chiave: - -