Soddisfatto il presidente Mosele: «Raccolti suggerimenti davvero validi». L’assessore Sebastiano: «Unanime contrarietà al project financing»

I sindaci: «Affi-Pai inutile. Si sistemi quello che c’è»

18/01/2008 in Attualità
A Affi
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Camilla Ferro

Il giro adesso è con­clu­so. Ieri il pres­i­dente del­la Provin­cia Elio Mose­le ha ter­mi­na­to, assieme all’assessore alla Luca Sebas­tiano, di ascoltare i sin­daci del Gar­da- sul­la del­i­ca­ta ques­tione del­la Affi-Pai. Tre giorni di audizioni per rac­cogliere le pro­poste «alter­na­tive» al project financ­ing già approva­to dal­la Regione ma osteggia­to dal­la qua­si total­ità degli ammin­is­tra­tori locali, pron­ti a tut­to pur di fer­mare la Garde­sana bis. All’unanime posizione di irre­movi­bile con­tra­ri­età alla super­stra­da, i pri­mi cit­ta­di­ni han­no fat­to seguire una serie di indi­cazioni (rias­sunte nell’articolo a fian­co) che, se attuate, bastereb­bero da sole a miglio­rare la via­bil­ità del lago e quin­di ad allon­tanare defin­i­ti­va­mente l’ipotesi del­la bretel­la a pagamento.«Sono sod­dis­fat­to», ha dichiara­to Mose­le, «i sin­daci han­no por­ta­to sug­ger­i­men­ti vali­di sul­la base dei quali, ora, pre­par­ere­mo un prog­et­to organ­i­co di sis­temazione dell’intera rete stradale garde­sana». Dici­as­sette i Comu­ni, più la Comu­nità mon­tana del Bal­do, che si sono pre­sen­tati all’appuntamento in sala Rossa con l’elenco delle pro­poste «alter­na­tive» alla Affi Pai tan­to cara all’assessore regionale Chisso. «Le indi­cazioni che sono emerse», ha ricorda­to Mose­le, «saran­no con­seg­nate ad un tec­ni­co, incar­i­ca­to dal­la Provin­cia, che le rac­coglierà in un doc­u­men­to organ­i­co. Ter­mi­na­ta la sis­temazione del mate­ri­ale, lo stu­dio finale di fat­tibil­ità ver­rà nuo­va­mente pre­sen­ta­to ai sin­daci e poi invi­a­to a Venezia: il tut­to, entro la fine di mar­zo». Anco­ra Mose­le: «È indub­bio che la via­bil­ità del lago neces­si­ta da tem­po di un miglio­ra­men­to, bisogna ora indi­vid­uare le soluzioni che pos­sono met­tere tut­ti d’accordo».«Ciò che i sin­daci qui han­no rib­a­di­to è che vogliono annullare il prog­et­to regionale del­la Affi Pai», ha aggiun­to l’assessore Sebas­tiano, «per­ciò, in atte­sa che in Con­siglio regionale vada avan­ti la votazione sul­la mozione trasver­sale di alcu­ni grup­pi, han­no parte­ci­pa­to con grande spir­i­to col­lab­o­ra­ti­vo a ques­ta tre giorni di con­sul­tazioni per arrivare alla sca­den­za di fine mar­zo con qual­cosa di buono da pro­porre a Chisso. Ciò che alla fine è emer­so», ha con­clu­so l’assessore Sebas­tiano, «è che il Gar­da ha urgente bisog­no di un sis­tema organ­i­co di inter­ven­ti e non di una sola nuo­va strada».

Parole chiave:

Commenti

commenti