Approvato il bilancio comunale con alcuni impegni importanti per le infrastrutture del paese. Via alla pista tra Salò e Portese, si rinforza la sponda vicino al porto

Il 2006? Ciclabili e spiagge

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Elena Cerqui

Anche il comune di San Felice ha approva­to il bilan­cio di pre­vi­sione 2006, con voto con­trario di entrambe le mino­ranze con­sil­iari, che pareg­gia a 5 mil­ioni e 960 mila euro. Tra le entrate sono aumen­tate, rispet­to al 2005, quelle trib­u­tarie del 10,15%, e tra queste sono le entrate dall’Ici ad avere la mag­giore inci­den­za con il 51,48% (in dimin­uzione rispet­to all’anno prece­dente dove era­no al 53%). I trasfer­i­men­ti, statali e region­ali, si ass­es­tano sui val­ori del 2005 (302.500 euro), men­tre le entrate extra­tribu­tarie sono in dimin­uzione del 10% (1 mil­ione e 45 mila euro).Per quan­to riguar­da la spe­sa cor­rente — han­no spie­ga­to gli ammin­is­tra­tori — da seg­nalare una riduzione dell’1,15% rispet­to al 2005. Il revi­sore ha evi­den­zi­a­to una ridot­ta elas­tic­ità di bilan­cio in quan­to la con­sis­ten­za del fon­do di ris­er­va ordi­nario è pari allo 0,45% del­la spese correnti.Tra le opere pub­bliche più ril­e­van­ti nel 2006 tro­vi­amo la real­iz­zazione del­la pista che col­leghi Salò a Portese per un cos­to di 620 mila euro (sud­di­visi tra 310 mila euro di mutuo ed altret­tan­ti di con­trib­u­to provin­ciale e regionale Pisl, che finanzia altri prog­et­ti nei comu­ni del­la Valte­n­e­si). Su questo prog­et­to, e su altre sei opere pub­bliche, la mino­ran­za con­sil­iare «Vivere San Felice, Portese e Cisano» ha pre­sen­ta­to degli emen­da­men­ti, tut­ti respin­ti dal­la mag­gio­ran­za con­sil­iare. «E’ nec­es­sario creare una pri­or­ità — ha dichiara­to il con­sigliere di mino­ran­za Gui­do Maru­el­li. — Il pri­mo lot­to, fino al biv­io del­la Portesina, per­me­tte di met­tere in sicurez­za il trat­to più peri­coloso per pedoni e ciclisti. Men­tre dal biv­io al por­to di Portese ci vor­rebbe un’altra soluzione con una passeg­gia­ta più ampia. Così la cifra del mutuo potrebbe essere uti­liz­za­ta nel­la zona Paludi».Un altro inter­ven­to riguar­da la sis­temazione del­la spi­ag­gia del por­to di Portese e zona Ghi­ac­ciaie, per un cos­to di 75 mila euro. «Si trat­ta di un ripor­to di ghi­a­ia per la spi­ag­gia per 500 metri cubi — ha spie­ga­to l’assessore Alvaro Savol­di — inoltre saran­no con­sol­i­dati i 5 pen­nel­li con 500 metri cubi di mas­si, rin­for­zo nec­es­sario per sal­vare la spi­ag­gia, e sarà sis­tem­ato il mar­ci­apiede»”. La mino­ran­za «Vivere S.Felice, Portese e Cisano» ha invece pro­pos­to di uti­liz­zare la cifra per la sis­temazione di tutte le spi­agge, men­tre la mino­ran­za «Gio­vani per S.Felice, Portese e Cisano» ha ricorda­to l’importanza del­la pulizia delle spi­agge. Infine il sin­da­co Gian­lui­gi Mar­silet­ti ha chiar­i­to che nei prossi­mi anni si passerà alla sis­temazione delle altre spi­agge che lo neces­si­tano, par­tendo dal­la Gardiola.Un’ulteriore opera è la riqual­i­fi­cazione dell’area attrez­za­ta di via Bena­co e via dei Pesca­tori, con la real­iz­zazione di un par­co pub­bli­co con per­cor­so salute, per un cos­to di 100 mila euro rica­vati da oneri. Un’opera des­ti­na­ta ai res­i­den­ti, ha sot­to­lin­eato la mag­gio­ran­za, e che la mino­ran­za «Gio­vani» vede pos­i­ti­va­mente, ma non quest’anno, per­ché pri­ma ci sono altre pri­or­ità. Il prog­et­to è sta­to con­sid­er­a­to dal­la mino­ran­za «Vivere» come «non gius­ti­fi­ca­bile come cos­to e pri­or­ità, trat­tan­dosi di zona res­i­den­ziale dove tut­ti gli abi­tan­ti dispon­gono di un gia­rdi­no recin­ta­to. Nel­la zona si potrebbe creare un mar­ci­apiede che da Portese arrivi alla Baia del Ven­to per la sicurez­za dei pedoni». È pre­vista anche la real­iz­zazione del 2° stral­cio del­la cir­con­va­l­lazione di Portese, per 150 mila euro; men­tre nel 2007 è inser­i­to l’ampliamento del por­to di San Felice, e nel 2008 la real­iz­zazione di una sala polifunzionale.

Parole chiave: