Aeroporto: «La società nascerà l’11 febbraio». Intanto decolla Gandalf

Il 21 gennaio tornano i voli su Roma

10/01/2002 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Montichiari

«Da qui all’11 feb­braio abbi­amo indi­vid­u­a­to un per­cor­so che ci porterà dopo una serie di incon­tri con gli enti e le asso­ci­azioni impren­di­to­ri­ali a definire l’assetto futuro del­la soci­età di ges­tione dell’aeroporto di Mon­tichiari. Questo è l’aspetto che più ci preme sot­to­lin­eare». A par­lare è Fran­co Bet­toni, pres­i­dente del­la Cam­era di com­mer­cio di Bres­cia che vede come un buon aus­pi­cio l’accordo rag­giun­to con Gan­dalf per ripristinare i col­lega­men­ti ver­so Roma, oper­a­ti­vo dal 21 gen­naio con tre voli al giorno sul­la cap­i­tale. L’11 feb­braio è in pro­gram­ma l’assemblea dei soci per lo scor­poro dal Cat­ul­lo del­la nuo­va soci­età di ges­tione del «» di Mon­tichiari. «L’accordo con Gan­dalf è defini­to in buona sostan­za — aggiunge Fer­nan­do San­son, pres­i­dente del Cat­ul­lo — ora atten­di­amo solo di sapere con che mez­zo vol­erà, un Dornier da una trenti­na di posti oppure atten­dere la disponi­bil­ità di un Fokker da 50». Nodo sci­olto poi nel pomerig­gio con la con­fer­ma del­la parten­za dei voli dal 21 gen­naio. Aggiunge anco­ra Bet­toni: «In piena sin­to­nia con la Provin­cia di Bres­cia cercher­e­mo di arrivare alla definizione dell’assetto del­la nuo­va soci­età di ges­tione». Sci­olti i nodi con il Comune di Verona, ride­ter­mi­na­to il val­ore del­lo scor­poro di Mon­tichiari dal Cat­ul­lo, ottenu­ta la con­ces­sione tri­en­nale, le carte ora sono in rego­la per pro­cedere con il pro­gram­ma approva­to nell’assemblea sociale del 2000. C’è già qualche indi­cazione su chi sarà chiam­a­to a guidare la nuo­va soci­età? «Ci sono decine di impren­di­tori in gra­do di far­lo — risponde diplo­mati­ca­mente Bet­toni — ma non è il prob­le­ma che più ci sta a cuore in questo momen­to». Nel­la fase iniziale è con­fer­ma­ta una ripar­tizione delle quote azionar­ie nel­la misura dell’85 per cen­to al Cat­ul­lo e il restante 15 sud­di­vi­so a metà tra Provin­cia e Cam­era di com­mer­cio di Bres­cia. In un sec­on­do tem­po si val­uterà l’allargamento ad altri part­ner. Intan­to, nei prossi­mi giorni si conoscer­an­no i pri­mi risul­tati dell’esercizio di Verona appe­na trascor­so, di sicuro penal­iz­za­to dal crol­lo dei passeg­geri nell’ultimo quadrimestre in segui­to all’attentato di New York. In cal­en­dario c’è anche l’appalto dei lavori per la real­iz­zazione del Car­go cen­ter nell’area ora «presta­ta» alla Land Rover per la pre­sen­tazione inter­nazionale del nuo­vo mod­el­lo del­la Range, così come sono in cor­so con­tat­ti per l’acquisizione di voli char­ter. Rior­ga­niz­zazione inter­na intan­to nel­la soci­età aero­por­tuale veronese che ha nom­i­na­to Rober­ta Ragaz­zo, respon­s­abile relazioni esterne e stam­pa. Ragaz­zo proviene dal­la fil­iale ital­iana di Daim­ler-Chrysler nel­la quale rico­pri­va l’incarico di respon­s­abile uffi­cio stam­pa e pub­bliche relaizoni per i marchi Chrysler e Jeep.

Parole chiave: