In ritiro dopo il Chievo anche la serie A in rosa

Il calcio sposa il paese

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Annamaria Schiano

Quest’anno in ritiro a San Zeno non ci sarà più solo il Chie­vo, alla sua set­ti­ma sta­gione all’hotel Jolan­da. Dopo la Pri­mav­era, che sarà allo Sport­ing hotel, e nel­la stes­sa strut­tura, a par­tire dal 20 agos­to arriverà anche la Seni­ni , la squadra di cal­cio fem­minile di serie A. La Seni­ni Bar­dolino, che nel­la pas­sa­ta sta­gione ha con­quis­ta­to la Super­cop­pa e la Cop­pa Italia, dopo un peri­o­do di preparazione alla sta­dio Belvedere di Cal­masi­no, ha scel­to la local­ità baldense per il tradizionale ritiro pri­ma del cam­pi­ona­to: dal 20 agos­to al 31, le atlete in maglia gial­loblù e lo staff tec­ni­co guida­to dall’allenatore Rena­to Longe­ga si pre­par­eran­no con doppia sedu­ta gior­naliera di allena­men­to; domeni­ca 27 alle 18, inoltre, al cam­po sporti­vo si svol­gerà la pri­ma amichev­ole del­la sta­gione con­tro l’Atalanta, men­tre la pri­ma gara uffi­ciale è per saba­to 2 set­tem­bre, su cam­po neu­tro, quan­do il Bar­dolino affron­terà il Fiamma­mon­za per la con­quista del­la Super­cop­pa 2006. Mar­cel­lo Bat­tis­toli, pres­i­dente del­la soci­età sporti­va, sot­to­lin­ea le dif­fi­coltà avute per trovare pos­to a San Zeno: «È da anni che ci provi­amo, ma erava­mo sem­pre sovrap­posti al Chie­vo. Quest’anno final­mente ci siamo rius­ci­ti. San Zeno è strate­gi­co per la vic­i­nan­za alla cit­tà, a Bar­dolino e ha un cli­ma ide­ale come del resto Bol­ca, dove siamo andati per tre anni». Gli fa eco l’assessore allo sport di Bar­dolino, Francesco Mar­chiori, che ha accom­pa­g­na­to i diri­gen­ti a Ca’ Mon­tagna per la pre­sen­tazione del ritiro: «Per il Comune avere ques­ta squadra è impor­tante». Ieri, men­tre il cal­cio fem­minile si pre­sen­ta­va, i gio­ca­tori del Chie­vo si con­cede­vano una mat­ti­na­ta di relax sul . Cap­i­ta­nati dall’avvocato Mar­co Bis­ag­no, han­no pre­so gli impianti di risali­ta per con­clud­ere la gita alle 12,30 con il pran­zo al rifu­gio Mal­ga Pra­da. Pre­sen­ti il cap­i­tano del Chie­vo, Loren­zo D’Anna, il cen­tro­camp­ista Mat­teo Brighi, il portiere di sec­on­da Loren­zo Squizzi e il gio­vane cal­ci­a­tore Ricky Rick­ler Del Mare, con l’allenatore Bepi Pil­lon, il team-man­ag­er Mar­co Pac­cione e l’accompagnatore Rinal­do Danese. Squizzi ha sot­to­lin­eato: «Sono un appas­sion­a­to di mon­tagna, per­ché trasmette tran­quil­lità e seren­ità. In vet­ta i rit­mi si fer­mano, per noi è sta­ta una mez­za gior­na­ta da tur­isti». Dopo anni di ritiro a San Zeno, il Chie­vo sem­bra aver mes­so radi­ci sul Bal­do, infat­ti Pac­cione dice: «Ci sti­amo bene, ci fan­no una grande accoglien­za, per­tan­to rima­ni­amo fedelis­si­mi alla local­ità, che ci por­ta tan­ta for­tu­na». Quest’anno però è un anno spe­ciale per il Chie­vo. «Effet­ti­va­mente è sta­ta un’annata stra­or­di­nar­ia con la con­quista del­la Cop­pa Uefa, sul futuro a breve, dopo il 25, com­menter­e­mo», con­clude Pac­cione, che non si sbi­lan­cia oltre, ma intan­to allun­ga lo sguar­do sul panora­ma che si gode dal ter­raz­zo del rifu­gio. Il Chie­vo con­clud­erà il suo ritiro a San Zeno di Mon­tagna con tre amichevoli, sem­pre alle 17 al cam­po sporti­vo: domeni­ca 23 con­tro una squadra bul­gara, il Loco­mo­tiv Plov­div, il 30 con­tro il Carpenedo­lo, di C2, e saba­to 5 agos­to, ulti­mo giorno, con­tro il Pizzighet­tone di Cre­mona, in C1.

Parole chiave: