Gardesana, serve uno spiraglio per salvare l’economia turistica

Il centrosinistra chiede una riapertura parziale della statale ko

19/01/2001 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Le vicende del­la statale Garde­sana sul tavo­lo del­la Regione. Ieri, infat­ti, il pres­i­dente del­la Comu­nità mon­tana Bruno Faus­ti­ni è sta­to pro­tag­o­nista di un’audizione davan­ti alla com­mis­sione Ter­ri­to­rio. Si è par­la­to sia del­la ria­per­tu­ra per far fronte ai dis­a­gi del­la popo­lazione, sia del rias­set­to dell’arteria. E il cen­trosin­is­tra ha pro­pos­to di garan­tire una sis­temazione provvi­so­ria del­la statale, in atte­sa dell’intervento defin­i­ti­vo di mes­sa in sicurez­za (che per ora prevede un tun­nel in ter­ri­to­rio trenti­no), per garan­tirne la per­cor­ri­bil­ità e offrire all’economia del Gar­da bres­ciano una sta­gione tur­is­ti­ca (la prossi­ma) deg­na di tale nome. Lo stes­so cen­trosin­is­tra, poi, è sta­to pro­tag­o­nista, sem­pre a propos­i­to del­la Garde­sana, attra­ver­so una inter­rogazione alla Giun­ta del Pirellone fir­ma­ta dai con­siglieri bres­ciani Clau­dio Bra­gaglio, Pierange­lo Fer­rari e . Nel testo, i tre chiedono se la Regione intende definire un inter­ven­to coor­di­na­to per trovare una soluzione defin­i­ti­va per tut­to il trat­to Gargnano-Riva, e se l’operazione di ripristi­no del­lo stes­so trat­to è sta­to inser­i­to tra le opere pub­bliche pri­or­i­tarie. Inoltre, l’interrogazione chiede se potrà essere garan­ti­ta almeno parzial­mente la tran­sitabil­ità del­la stra­da attuale nei due anni pre­visti per il cantiere del tun­nel, e pro­pone di sol­lecitare il Par­la­men­to per l’approvazione di una legge spe­ciale per la Gardesana.

Parole chiave: