Venerdì sera al «Sesto senso» è stato dato l’ultimo ciak della fiction dedicata alla donazione degli organi

«Il cielo può attendere»? Sì, a Desenzano

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

L’ultimo ciak de «Il cielo può atten­dere», fic­tion ded­i­ca­ta alla don­azione degli organi che andrà in onda nel­la prossi­ma pri­mav­era su Rai 2 e i prin­ci­pali net­work ital­iani, è sta­to dato ven­erdì sera al «». Dietro la macchi­na da pre­sa, il reg­ista Bruno Gabur­ro ha gira­to le ultimis­sime sequen­ze di questo lun­gome­trag­gio ideato da Michele Calì di Media Italia e spon­soriz­za­to dalle aziende san­i­tarie venete, che ha come inter­preti prin­ci­pali Edoar­do Cos­ta, Lan­do Buz­zan­ca, Bar­bara Blanc, Fed­er­i­ca Andreoli, Maria Tere­sa Ruta e molti altri artisti che si sono presta­ti sen­za com­pen­so. Molti i volti noti, come Sil­via Annichiari­co, Amedeo Goria e Pier­pao­lo Cat­tozzi (Rai Sport), reg­isti e diri­gen­ti del­la Rai e dell’Ussl veronese. Abbi­amo rac­colto alcune bre­vi antic­i­pazioni di due bravi artisti, come Maria Tere­sa Ruta e Lan­do Buz­zan­ca, e di un’attrice emer­gente, Bar­bara Blanc. «Sto preparan­do un pro­gram­ma su med­i­c­i­na e benessere che dovrebbe andare in onda il prossi­mo anno su uno dei canali Rai, ma la mag­giore sod­dis­fazione che sto rac­coglien­do è la mia direzione del­la scuo­la For­mass, con sede a — spie­ga Maria Tere­sa Ruta -. Si trat­ta del pri­mo mas­ter per con­dut­tori e tele­cro­nisti sportivi, in cui s’imparano la dizione e la con­duzione di un tele­gior­nale». Lan­do Buz­zan­ca, il più applau­di­to, è in gran for­ma: «Per ora non ho offerte dal cin­e­ma, ma dal­la tele­vi­sione sì: sto preparan­do un’altra serie di sei pun­tate del­la fic­tion in cui recito il ruo­lo del padre di un com­mis­sario di polizia. Al teatro sto con­tin­uan­do il “Don Gio­van­ni” di Molière; sono anche reg­ista e come part­ner ho Cris­tiana Lionel­lo, figlia del grande Oreste». Da una figlia d’arte a un’altra: Bar­bara Blanc, nati­va di Salò e abi­tante a Iseo: «Mam­ma Eri­ca, con la quale ho un par­ti­co­lare e diver­tente rap­por­to, abi­ta in provin­cia di Pia­cen­za, io ho volu­to restare su un lago anche se non è quel­lo di Gar­da dove sono nata (la mam­ma è di Gargnano). Pro­gram­mi molti, di offerte sono in attesa».

Parole chiave: