Si rileveranno in tempo reale passaggi e arrivi delle imbarcazioni.
Mario Bergamini, appassionato velista., ha avuto l’idea di mettere a punto un nuovo sistema informatico

Il computer «arbitra» le regate

14/09/2000 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

La Cop­pa Amer­i­ca lo ha dimostra­to a chiare let­tere: anche le regate sono entrate nell’era del com­put­er e di Inter­net. Ma se nel­la sfi­da vel­i­ca più famosa ed appas­sio­n­ante del mon­do ad affrontar­si sono solo due barche per vol­ta, in regate di flot­ta come la del Gar­da, la Bar­colana di Tri­este, dove gareg­giano centi­na­ia (quan­do non sono migli­a­ia come alla Bar­colana) di imbar­cazioni, le cose si com­pli­cano non poco. Ril­e­vare i pas­sag­gi di boa e gli arrivi (a vista), sti­lare le clas­si­fiche, con­trol­lare la for­mazione dell’equipaggio, appli­care com­pli­cate for­mule tenen­do con­to di para­metri cervel­loti­ci come il rat­ing o il P.F., che ser­vono anche per sud­di­videre nelle diverse cat­e­gorie le imbar­cazioni, sot­to­pone gli orga­niz­za­tori a stress indi­ci­bili. Ovvio quin­di che l’errore sia sem­pre in aggua­to, nascos­to dietro il cosid­det­to ango­lo. Sen­za con­sid­er­are i tem­pi che ser­vono per uffi­cial­iz­zare le grad­u­a­to­rie. C’è però chi sta pen­san­do di risol­vere defin­i­ti­va­mente questi incon­ve­ni­en­ti uti­liz­zan­do tec­nolo­gie che sono senz’altro all’avanguardia e che han­no già trova­to appli­cazione in set­tori extrasportivi.

Parole chiave: