Fine delle polemiche nate dopo l’inaugurazione dello stadio. I vecchi campi? A parcheggio. Convenzione con l’Amministrazione: gestirà gli impianti fino al 2008

Il Comunale alla Sirmionese

20/08/2004 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

I tifosi di cal­cio sirmione­si potran­no seguire già nei prossi­mi giorni le par­tite nel nuo­vo sta­dio comu­nale di via Tin­toret­to, a Lugana. Per­ché il buon sen­so di tut­ti ha preval­so sulle divi­sioni e sulle dia­tribe. La soci­età Unione Sporti­va Sirmione ha, infat­ti, siglato negli uffi­ci comu­nali la con­ven­zione con la quale le pro­prie squadre calcis­tiche potran­no allenar­si e gio­care nel nuo­vis­si­mo impianto inau­gu­ra­to a mag­gio e ottenu­to in ges­tione fino al 31 dicem­bre 2008 sul­la base del­la vec­chia con­ven­zione che risali­va al 1999, pure se con alcu­ni sig­ni­fica­tivi ritoc­chi. Inoltre, gli “stori­ci” due campi da cal­cio di via Bag­n­er, dove han­no gio­ca­to intere gen­er­azioni di sirmione­si, ver­ran­no “resti­tu­iti” al Comune che li trasformerà in ampi parcheg­gi. Il brac­cio di fer­ro avvi­a­to dai ver­ti­ci del­la soci­età sporti­va, con in tes­ta il pres­i­dente Leonar­do Peschiera (notevoli i suoi inves­ti­men­ti finanziari), alcu­ni mesi fa nei con­fron­ti del Comune, sec­on­do i quali l’impianto non gli sarebbe sta­to con­ces­so per “ragioni politiche”, si è quin­di risolto al meglio. Anche se la giun­ta, per boc­ca del sin­da­co Mau­r­izio Fer­rari, ave­va sem­pre respin­to quest’ac­cusa, gius­ti­f­i­can­do la man­ca­ta aper­tu­ra del­lo sta­dio con l’e­si­gen­za di sta­bi­liz­zare il ter­reno di gio­co almeno fino a set­tem­bre. Ricor­diamo che la soci­età sporti­va van­ta una pri­ma squadra iscrit­ta al cam­pi­ona­to di Pro­mozione e altre quindi­ci for­mazioni dis­tribuite nelle altre varie cat­e­gorie. Oltre due­cen­to ragazzi rap­p­re­sen­tano il vivaio calcis­ti­co di una sol­i­da soci­età con ambizioni non cer­to nascoste. Sono, dunque, ter­mi­nate le trasferte, cos­tose e dis­agevoli, delle squadre sirmione­si fino a Solferi­no o a Riv­oltel­la. La con­ven­zione, mes­sa a pun­to dal­l’asses­sore Gior­dano Sig­nori, prevede la pos­si­bil­ità, sen­za alcun esbor­so, per le altre soci­età sportive di gio­care nel­lo sta­dio di Lugana, poi l’u­so di una parte del fab­bri­ca­to in muratu­ra da adibire a sede sociale del­la soci­età di Leo Peschiera e la pos­si­bil­ità di instal­lare esclu­si­va­mente dis­trib­u­tori auto­mati­ci di bevande negli spazi presta­bil­i­ti. Sul­l’u­so del­l’al­tra parte del­lo sta­bile, invece, la giun­ta Fer­rari si è ris­er­va­ta di decidere in segui­to. Non è improb­a­bile che, quan­to pri­ma, ver­ran­no real­iz­za­ti altri impianti. Si par­la di una grande pista di pat­ti­nag­gio e di una pisci­na. Il Comune, inoltre, met­terà mano tra poco alla nuo­va seg­nalet­i­ca stradale del­lo sta­dio. Inizial­mente la con­ven­zione, che ripeti­amo è la stes­sa che è sta­ta sot­to­scrit­ta ieri in Comune, prevede­va la costruzione del­l’impianto nel­l’aera dietro all’ ”Hol­i­day” (zona Bre­ma) ed il man­ten­i­men­to dei due campi di via Bag­n­er a spese del­la vec­chia Us Sirmione, sulle cui ceneri è nata poi l’at­tuale soci­età. Il cam­po del­l’Hol­i­day venne real­iz­za­to ma è poi rimas­to inuti­liz­za­to per la man­can­za degli spoglia­toi. L’at­tuale giun­ta ha, quin­di, mod­i­fi­ca­to alcu­ni aspet­ti del­l’at­to, otte­nen­do in cam­bio, come si dice­va, le aree sportive di Colom­bare sit­u­ate davan­ti al cimitero. Sul­la cui des­ti­nazione a parcheg­gio le mino­ranze han­no sem­pre fat­to sapere di non trovar­si d’accordo.