Cala la tariffa sui rifiuti urbani Ora serve un’isola ecologica

Il Comune stanzia 130 mila euro per la differenziata

02/03/2003 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
(a.j.)

Smaltire i rifiu­ti costerà meno, anche se non con­sen­tirà grossi rispar­mi alle famiglie. I 55 mila euro di mag­giori entrate reg­is­trate nel 2002 rispet­to al cos­to pre­vis­to per l’anno cor­rente (arrivati anche gra­zie all’aumento del­la tar­if­fa nel 2002 del 27 per cen­to), han­no por­ta­to l’amministrazione a una cor­rezione in dimin­uzione del­la per­centuale del­la tar­if­fa delle uten­ze domes­tiche ma non del servizio di rac­col­ta, pulizia, trasporto e smal­ti­men­to dei rifiu­ti. Il piano finanziario per quest’anno, elab­o­ra­to dall’Ufficio trib­u­ti del Comune e approva­to dal Con­siglio comu­nale con l’astensione del­la mino­ran­za, tro­va dunque il pareg­gio tra costi e ricavi sul­la cifra di 1.332.994,14 euro, con un incre­men­to rispet­to ai costi del­la scor­sa anna­ta di ven­tim­i­la euro. Nel­la ripar­tizione dei costi in rap­por­to alle super­fi­ci e alla quan­tità dei rifiu­ti prodot­ti, il doc­u­men­to evi­den­zia come le uten­ze domes­tiche, che rap­p­re­sen­tano il 27 per cen­to del totale, con 1.600 ton­nel­la­tre di rifiu­ti con­tribuis­cono alla spe­sa com­p­lessi­va con 357.170,90 euro, con­tro le 4.328 ton­nel­late di rifiu­ti prodot­ti dalle uten­ze non domes­tiche e costi che sal­go­no in questo caso a 975.823,24 euro. Negli obi­et­tivi dell’amministrazione comu­nale, che pun­ta a risul­tati sem­pre più pos­i­tivi nel servizio, oltre alla pulizia e al lavag­gio di strade e piazze pub­bliche, che deve avvenire con fre­quen­za media e attrez­zatu­ra adegua­ta su tut­to il ter­ri­to­rio comu­nale, c’è anche l’avvio di una cam­pagna di sen­si­bi­liz­zazione dei cit­ta­di­ni per la , con par­ti­co­lare riguar­do alla fre­quen­za e alla modal­ità di dif­feren­zi­azione, nonché alla tipolo­gia dei mate­ri­ali. Il Comune pun­ta inoltre ad agevolare le famiglie e a pro­muo­vere un miglio­ra­men­to del­la qual­ità ter­ri­to­ri­ale, con l’applicazione delle nuove modal­ità di ges­tione e dei nuovi liv­el­li di servizio. È inoltre in prog­et­to, nel­lo stes­so tem­po, anche la creazione di una piattafor­ma eco­log­i­ca da adibire alla mul­tirac­col­ta, con un finanzi­a­men­to ad hoc già pre­vis­to in 130 mila euro . L’amministrazione, che ha inser­i­to tra le pri­or­ità del piano tri­en­nale delle opere pub­bliche l’isola eco­log­i­ca, non ha però anco­ra sta­bil­i­to l’area su cui real­iz­zarla.

Parole chiave: