Il Consiglio comunale dei ragazzi di Riva del Garda approva all’unanimità due delibere

07/05/2018 in Attualità
Iscriviti al nostro canale
Di Redazione

Unanimità per entrambe le delibere: è il risultato (per niente scontato) della doppia seduta straordinaria di Consiglio comunale che si è tenuta nella  sala civica in Rocca, guidata dal presidente Mauro Pederzolli. Protagoniste le quinte «A» e «B» della scuola primaria «Amelia Zadra» dell’Istituto comprensivo «Riva 2».

Una «regolare» seduta di Consiglio comunale ha concluso, come tradizione, il progetto «Consiglio comunale delle classi quinte» della scuola primaria «Amelia Zadra» del Rione Degasperi, la cui terza edizione ha coinvolto 45 alunni in un percorso di conoscenza e sperimentazione del ruolo di amministratore pubblico e del funzionamento della macchina amministrativa comunale. Percorso che l’Ufficio di presidenza del Comune ha sostenuto con orgoglio, in virtù dell’alto valore civico dell’iniziativa, che ha permesso ai ragazzi di vedere da vicino la sede comunale e il lavoro degli uffici, oltre che di sperimentare personalmente l’iter di elezione del sindaco, di formazione della Giunta municipale e di trattazione di un argomento in Consiglio comunale, seguendo fedelmente la procedura prevista, esattamente come il vero Consiglio comunale.

Il percorso di educazione civica ha preso avvio il 22 febbraio, quando il presidente Pederzolli ha presentato in classe la composizione e il funzionamento generale del Consiglio e i passaggi necessari per l’elezione del sindaco e dei consiglieri comunali, oltre alla composizione della Giunta municipale. Nel corso di altri due incontri si è svolto il percorso che ha portato ciascuna delle due classi quinte a eleggere il proprio sindaco, a comporre la Giunta di classe nonché i due schieramenti di maggioranza e minoranza. I ragazzi interessati alla candidatura sono stati invitati a preparare un breve programma, e quello risultato eletto ha poi dato lo spunto per l’argomento che infine è stato oggetto di discussione nella seduta di Consiglio.

Il risultato: sindaco della quinta «A» è stato eletto Artiom Stoica, che ha chiamato in Giunta Sara Ahammam, Nicolò Lipo, Youssef Ourahou, Justin Porzio e Cristian Vanacore, consiglieri Lorenzo Armenti, Matilde Calaciura, Noemi Calcaterra, Greta Calzà, Tommaso Chemelli, Emiliano Civettini, Simone Ducati Carloni, Mouhamed Eljabri, Mehdi Elmadkouri, Alessandro Fiori, Stefano Gavatta, Luka Hoxhalli, Ilary Parolari, Sofia Preti, Matteo Torrisi, Daniel Vega Hernandez e Lara Zambotti. La delibera discussa e approvata: «Scuola primaria Amelia Zadra al Rione Degasperi: trasformazione dell’attuale sede in “casa del quartiere”, con spazi per giovani, anziani, associazioni e attività varie». Sindaco della quinta «B» è Safia Khanboubi, assessori Ylli Arifi, Luca Gottoli, Giorgia Pena Garcia, Martina Trinchieri Benatti e Lisa Righi, consiglieri Youssef Amine, Bilal Bourhim, Luca Congiu, Patrick Dal Zotto, Chiara Franco, Riccardo Giorgio, Manuel Hoxha, Lorenzo Lannino, Agnese Oliverio, Omar Rahmani, Emanuele Righi, Brian Rosa, Rayan Tonelli, Angelo Valandro e

Clotilde Vitiello. La delibera, «Riqualificazione e messa in sicurezza della viabilità in viale Trento con interventi per il miglioramento della qualità urbana del rione Degasperi».

La seduta di Consiglio è stata preceduta dalle indicazioni preliminari sul funzionamento dei microfoni e dell’impianto di amplificazione e registrazione. Dopo la discussione in Aula, che il presidente Pederzolli ha trovato corretta e vivace, le votazioni. Prima ancora, i ragazzi – accompagnati dagli insegnati Grazia Giuliani e Pietro Starvaggi Catrini per la «A», e Daniela Palermo e Lorena Malacarne per la «B», ai quali in Consiglio si è poi aggiunta la dirigente scolastica Paola Bortolotti – hanno fatto visita al municipio, in particolare hanno visto la sala conferenze e matrimoni e lo Sportello ai cittadini al piano terra, e al primo piano la sala Giunta, l’ufficio del sindaco e gli uffici delibere e anagrafe, accompagnati, oltre che dal presidente Mauro Pederzolli, dall’assessora Renza Bollettin e dalla vicesegretaria generale Anna Cattoi. All’anagrafe il responsabile Flavio Bortolameotti e Katia Bagozzi hanno illustrato il funzionamento del servizio. Il sindaco Adalberto Mosaner, assente a causa di un impegno improrogabile, ha fatto sapere che sarà in classe nei prossimi giorni, a incontrare i ragazzi e a condividere le rispettive esperienze politiche-amministrative. La seduta è stata registrata in modalità occultata e il video sarà a breve a disposizione delle due classi.

«I ragazzi hanno dimostrato un notevole interesse – dice il presidente Pederzolli – e quello che è stato chiaro è che hanno compreso perfettamente l’importanza dell’esperienza, prendendola sul serio e facendo con impegno la propria parte. Credo che ne conserveranno un bel ricordo, che magari tornerà loro alla mente quando, tra qualche anno, per la prima volta eserciteranno il diritto-dovere del voto».

Commenti

commenti