Aeroporto. Accordo tra ministeri

Il D’Annunzio passa all’Aviazione civile

24/10/2004 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Quindi­ci aero­por­ti, fino ad oggi in capo al Demanio dife­sa e quin­di con­siderati «mil­i­tari», ver­ran­no trasfer­i­ti all’Aviazione civile. Lo rende noto l’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac) a segui­to del pro­to­col­lo d’intesa stip­u­la­to tra il min­istro del­la Dife­sa, il min­istro delle Infra­strut­ture e dei Trasporti ed il min­istro dell’Economia. Tra gli aero­por­ti in ques­tione c’è il di Mon­tichiari, aper­to al traf­fi­co civile da qua­si cinque anni (è sta­to inau­gu­ra­to nel­la pri­mav­era ’99). Gli altri sono quel­li di Ancona Fal­conara, Comiso, Napoli Capodichi­no, Tre­vi­so Sant’Angelo, Cata­nia Fonta­narossa, Rim­i­ni, Paler­mo Boc­cad­i­fal­co, Vicen­za, Verona Vil­lafran­ca, Udine Cam­po­formi­do, Roma Ciampino, Brin­disi, Cagliari Elmas e Capua. Il cam­bio di sta­tus avrà effi­ca­cia a decor­rere dal­la reg­is­trazione dei rel­a­tivi decreti interministeriali.

Parole chiave: