La partita pro-terremotati tra artisti della tv e rappresentativa locale

Il Gabibbo regala un raggio di sole

27/02/2005 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

Buon afflus­so di pub­bli­co allo sta­dio comu­nale di Salò per la gara di sol­i­da­ri­età tra la Nazionale Tv e una rap­p­re­sen­ta­ti­va locale, com­pos­ta da politi­ci (il sot­toseg­re­tario alle Finanze , Gio­van­maria Floc­chi­ni, Aris­tide Peli, Aldo Sil­vestri), , , vig­ili urbani, dipen­den­ti Asl e cani sci­olti. Il rica­va­to è anda­to a favore di famiglie che han­no ripor­ta­to dan­ni per il ter­re­mo­to del 24 novem­bre. Le due squadre sono entrate in cam­po accom­pa­g­nate dal Gabib­bo, ritor­na­to sul Gar­da dopo l’in­con­tro di mer­coledì coi bam­bi­ni delle scuole ele­men­tari. Il pri­mo a seg­nare è sta­to Leonar­do Boc­chio, det­to «Dado», gestore del­l’Olimp bar. Poi Mar­co Don ha pre­so l’in­cro­cio dei pali e si è fat­to parare un rig­ore da Pif delle Jene. Gli artisti, in svan­tag­gio, si sono scate­nati. Max Lau­da­dio, di Striscia la notizia, ha fir­ma­to una doppi­et­ta. Ste­fano Tac­coni, ex portiere del­la Juven­tus, nel­la cir­costan­za uti­liz­za­to come attac­cante, ha real­iz­za­to un bel diag­o­nale. Gene Gnoc­chi ha dis­pen­sato la sua arte calcis­ti­ca, aiu­ta­to da Luca Cas­sol («Cap­i­tan ven­tosa»). Sul 3–1 per la Nazionale tv è fini­to il pri­mo tem­po. Nel­la ripresa niente rimon­ta. Risul­ta­to finale: 3–2 per gli artisti tv. Inutile dire che il più corteggia­to dai fans è sta­to Ascanio Pacel­li, del «Grande Fratel­lo». Lui e la morosa Katia han­no fir­ma­to decine di auto­grafi. Impec­ca­bile il servizio d’or­dine. I numerosi spon­sor han­no dato una mano per la buona rius­ci­ta del pomerig­gio, con­for­t­a­to da tie­pi­di rag­gi di sole. L’inizia­ti­va ha fat­to segui­to allo spet­ta­co­lo del comi­co Leonar­do Man­era di Zelig.

Parole chiave: -