Cerimonia con la scrittrice

Il Garda Classico si affida a Baresani

Di Luca Delpozzo

La stor­i­ca ed affasci­nante cor­nice di Vil­la Alba, a Gar­done Riv­iera, ha ospi­ta­to ven­erdì sera la cer­i­mo­nia di gala per l’attribuzione dell’onoreficenza all’Ambasciatore del Gar­da Clas­si­co, riconosci­men­to sim­bol­i­co di sem­pre cres­cente pres­ti­gio con il quale i pro­dut­tori vini­coli del­la spon­da bres­ciana del Gar­da inten­dono pre­mi­are il lavoro di val­oriz­zazione dei prodot­ti eno­logi­ci e del ter­ri­to­rio garde­sani Il riconosci­meno di Ambas­ci­a­tore è sta­to con­seg­na­to alla scrit­trice Camil­la Bare­sani di fronte ad una platea di pro­dut­tori, gior­nal­isti, addet­ti ai lavori e per­son­al­ità isti­tuzion­ali (pre­sen­ti il pres­i­dente del­la Provin­cia di Bres­cia Alber­to Cav­al­li, l’asses­sore provin­ciale all’a­gri­coltura Ser­gio Grazi­oli, l’asses­sore al tur­is­mo Ric­car­do Mini­ni e al con­sigliere regionale Mari­astel­la Gelmi­ni, oltre al pres­i­dente di e sin­da­co di Pueg­na­go Gian­fran­co Com­in­ci­oli). Come da tradizione, nel cor­so del­la cer­i­mo­nia di gala, il Con­sorzio ha asseg­na­to anche i riconosci­men­ti di «Ami­co del Gar­da» a Gian­bat­tista Lan­zani, gior­nal­ista ed ex-diret­tore del «Gior­nale di Bres­cia», e Michele Ves­cia, acca­d­e­mi­co del­la vite e del vino, figu­ra di rifer­i­men­to per molti anni nel­l’am­bito eno­logi­co bres­ciano. Un riconosci­men­to è anda­to anche al sin­da­co di Gar­done Riv­iera Alessan­dro Baz­zani per il suo impeg­no a favore del­la pro­mozione del Gar­da Clas­sis­co. Il riconosci­men­to è quin­di anda­to ad una scrit­trice di Bres­cia, che pur viven­do a dai tem­pi del­l’U­ni­ver­sità, per sua stes­sa ammis­sione cer­ca di pas­sare più tem­po pos­si­bile a Desen­zano del Gar­da. Ha debut­ta­to come scrit­trice a 37 anni («Pri­ma non ci ave­vo mai pen­sato — dice) con il roman­zo «Il Pla­gio» edi­to da Mon­dadori, al quale è segui­to, nel 2002, «Sba­data­mente ho fat­to l’amore», anche questo per Mon­dadori. E’ in quei giorni che la sua vocazione di enogas­trono­ma com­in­cia ad uscire allo scop­er­to: il Sole 24 Ore le affi­da per il set­ti­manale «Domeni­ca» la rubri­ca men­sile «Diario di una golosa». «Camil­la Bare­sani è un per­son­ag­gio di pri­mo piano nel­lo sce­nario cul­tur­ale, ma anche vici­no alla nos­tra realtà quo­tid­i­ana ed ai nos­tri prodot­ti — ha det­to il pres­i­dente del Con­sorzio Gar­da Clas­si­co Pao­lo Turi­na — Il fat­to che abbia accetta­to il riconosci­men­to di riem­pie di sod­dis­fazione, per­chè in lei abbi­amo trova­to una pres­ti­giosa ambas­ci­atrice bresciana».

Commenti

commenti