La ludoteca in località Mombinda verrà ampliata e ospiterà fino a 60 bambini

Il Girasole può diventare un nido

01/04/2001 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Alvaro Joppi

Un asi­lo nido pri­va­to, con­ven­zion­a­to con il Comune e capace di ospitare fino a 60 bam­bi­ni dai tre mesi ai tre anni di età. È quan­to ver­rà real­iz­za­to gra­zie all’ampliamento dell’attuale ludote­ca Gira­sole che si tro­va in local­ità Mom­bin­da (a Per­gole) e cos­ti­tu­isce l’unica attiv­ità del genere esistente sul ter­ri­to­rio comu­nale. L’operazione è divenu­ta pos­si­bile gra­zie all’adozione da parte del Con­siglio comu­nale — con i soli voti del­la mag­gio­ran­za — di una vari­ante parziale al piano rego­la­tore che con­sente di real­iz­zare, su un ter­reno di cir­ca 5mila metri qua­drati di pro­pri­età di Vale­rio Bigag­no­li e Maria Tere­sa Tor­re­sen­di (pas­sato in quest’occasione da agri­co­lo ad area sco­las­ti­ca) un’opera con­sid­er­a­ta di urban­iz­zazione sec­on­daria e che rap­p­re­sen­ta un servizio di inter­esse pub­bli­co. Nel­lo stes­so tem­po il Con­siglio ha dato il via lib­era anche all’approvazione del­la con­ven­zione per la ges­tione del­la strut­tura del nuo­vo asi­lo, che sarà affi­da­ta alla ludote­ca Gira­sole nel­la per­sona del­la tito­lare Alessia Bigag­no­li. La con­ven­zione ha dura­ta ven­ten­nale e impeg­na i gestori a rispettare — oltre agli impeg­ni d’obbligo riguar­do ad oper­a­tori e col­lab­o­ra­tori e all’assicurazione del­lo svol­gi­men­to del servizio nel rispet­to delle norme vigen­ti in mate­ria di pre­ven­zione infor­tu­ni, di igiene e sicurez­za sul lavoro — alcune fon­da­men­tali clau­sole a ben­efi­cio delle famiglie che risiedono a Lazise. In sin­te­si, ven­gono pre­visti: la cos­ti­tuzione del Comi­ta­to di coor­di­na­men­to e di ges­tione dell’asilo nido for­ma­to dai gen­i­tori dei bam­bi­ni; la pre­sen­tazione del prog­et­to educa­ti­vo di sezione; la pro­mozione di incon­tri for­ma­tivi con spe­cial­isti del set­tore. Dovran­no inoltre essere ris­er­vati almeno 25 posti per i figli dei cit­ta­di­ni res­i­den­ti a Lazise, appli­can­do una riduzione del 10 per cen­to sull’intera ret­ta men­sile. Ver­ran­no poi accolti tre bam­bi­ni figli di cit­ta­di­ni res­i­den­ti le cui famiglie versi­no in con­dizioni eco­nomiche dis­agiate con riduzioni del­la ret­ta vari­abili fra un min­i­mo del 20 per cen­to ad un mas­si­mo del 50 per cen­to, e altri due posti ver­ran­no las­ciati a dis­po­sizione di bam­bi­ni iden­ti­fi­cati dai del Comune come minori a ris­chio. Nell’atto uni­lat­erale d’obbligo tra le par­ti viene tra l’altro spec­i­fi­ca­to che la ges­tione dell’asilo nido dovrà pas­sare nelle mani del Comune, in for­ma di comoda­to gra­tu­ito, nel caso che l’attività per la quale è sta­ta costru­i­ta la strut­tura dovesse per qual­si­asi moti­vo venire inter­rot­ta per un peri­o­do con­tin­u­a­ti­vo supe­ri­ore a un anno.

Parole chiave: