I prodotti tipici in vetrina al Cibus Tour

Il lago alla rassegna di Parma

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
a.j

Par­ma per quat­tro giorni vet­ri­na dell’enogastronomia veronese. Fino a domeni­ca le Aziende di pro­mozione tur­is­ti­ca del­la Riv­iera degli olivi e di Verona, in col­lab­o­razione con l’assessorato provin­ciale al Tur­is­mo sono pre­sen­ti al Cibus Tour, insieme a un nutri­to numero di oper­a­tori, per pre­sentare il ric­co e nutri­to paniere di pro­poste lega­to ai delle diverse zone scaligere. Oggi, giorno di aper­tu­ra del­la man­i­fes­tazione par­mense, salone del tur­is­mo enogas­tro­nom­i­co, dei prodot­ti tipi­ci e delle gas­tronomie locali, saran­no i ris­tora­tori di Lazise a pro­porre un sag­gio del­la cuci­na locale con mani­caret­ti a base di pesce di lago, preparati sec­on­do le ricette del­la tradizione, come i «bigoi co le aole», il «sisam», il «risot­to con la ten­ca» e il luc­cio in sal­sa. Toc­cherà poi, domani, ai ris­tora­tori di Pas­tren­go atti­rare l’attenzione dei vis­i­ta­tori del Cibus Tour con la tipi­ca sop­pres­sa veronese e i for­mag­gi dei Lessi­ni. Saba­to scen­der­an­no in cam­po i ris­tora­tori di Spi­azzi che pro­por­ran­no la «zup­pa del Bal­do» abbina­ta ai salu­mi e for­mag­gi del­la tradizione baldense con aggiun­ta di prodot­ti tipi­ci del bosco, come il mar­rone di San Zeno dop, e quel­li del sot­to­bosco, come funghi e tartu­fi. Domeni­ca i ris­tora­tori di Valeg­gio saran­no impeg­nati a con­vin­cere con i del­i­catis­si­mi tortelli­ni e il for­mag­gio Monte Veronese del­la Lessinia, una delle zone mon­tane più impor­tan­ti d’Italia vocate al pas­co­lo. Pri­mi attori del­la rasseg­na saran­no indub­bi­a­mente i vini a com­in­cia­re dal Bar­dolino, pri­mo rosso del Vene­to ad ottenere la docg. Ma anche Cus­toza, Val­dadi­ge — Ter­ra dei For­ti, Lugana, per arrivare al Valpo­li­cel­la, Recioto, Amarone, Soave e Lessi­ni Durel­lo. Per non par­lare degli oli dall’extravergine del Gar­da a quel­lo di oli­va dell’area Valpo­li­cel­la, entram­bi dop. Ai vis­i­ta­tori del­lo stand «Verona e il lago di Gar­da», oltre ad avere a dis­po­sizione un ric­co mate­ri­ale pro­mozionale sull’offerta tur­is­ti­ca ed enogas­tro­nom­i­ca del Veronese, la pos­si­bil­ità quin­di di com­piere un viag­gio non tan­to vir­tuale nel var­ie­ga­to mon­do dei sapori. Una car­rel­la­ta di degus­tazioni pro­pos­ta dall’Associazione strade del e dell’olio del­la Riv­iera degli olivi, dai Con­sorzi Valpo­li­cel­la, For­mag­gio Monte Veronese, Olio Vene­to area Valpo­li­cel­la e dalle diverse asso­ci­azioni che riu­nis­cono i ristoratori.)

Parole chiave: -