Bilancio positivo per il primo anno del «polo» che include Bussolengo. E ora il «Levi» vuole darsi un’identità: che sarà al femminile

Il liceo avrà un nome di donna

01/04/2009 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Annamaria Schiano

Ref­er­en­dum per scegliere tra la nobile Ele­na Cornaro la scien­zi­a­ta Maria Curie e il mito di Indi­ra GhandiMer­coledì 01 Aprile 2009PROVINCIA,pagina 26e-mail­print Il liceo sci­en­tifi­co di Gar­da ha qua­si con­clu­so il suo pri­mo anno di diri­gen­za sco­las­ti­ca. Con il bilan­cio in pos­i­ti­vo del­la nuo­va espe­rien­za, ora cer­ca di definire ancor più, l’identità del nuo­vo polo sco­las­ti­co «Gar­da-Bus­solen­go». È in cor­so infat­ti un ref­er­en­dum, cui parte­ci­pano stu­den­ti, docen­ti e gen­i­tori, per trovare il nome al nuo­vo Isti­tu­to di istruzione supe­ri­ore, che si è formato.Il liceo di Gar­da è al suo quin­to cam­bi­a­men­to: in 30 anni, è sta­to sede stac­ca­ta pri­ma del «Fra­cas­toro» di Verona, poi del «Medi» di Vil­lafran­ca, poi anco­ra del «Car­naci­na» di Bar­dolino e infine del «Levi» di San Flo­ri­ano. L’ultima sep­a­razione è sta­ta «sof­fer­ta», ma ora le cose sem­bra­no andar bene, come pre­cisa la diri­gente sco­las­ti­ca Anna­maria Silingardi.«Entro Pasqua si con­clud­erà il ref­er­en­dum per dare un nome e un volto al nuo­vo isti­tu­to. Abbi­amo dis­cus­so a lun­go, poi abbi­amo deciso di ori­entar­ci ver­so un nome di don­na, che pos­sa iden­ti­fi­care meglio la nos­tra realtà, anche per­ché nel panora­ma sco­las­ti­co del­la provin­cia di Verona, non esiste una scuo­la che por­ti il nome di una donna».Sono tre le can­di­date a portare la bandiera del polo sco­las­ti­co «Gar­da-Bus­solen­go». Nomi autorevoli, che han­no dato un forte con­trib­u­to cul­tur­ale e sociale all’umanità: Maria Curie, fu la pri­ma don­na a inseg­nare all’ del­la Sor­bona di Pari­gi e anche la pri­ma a rice­vere nel 1903 il pre­mio nobel per la fisi­ca. Nobel che con­seguì per la sec­on­da vol­ta nel 1911 per la chimica.Elena Cornaro, invece, nata nel 1646 da una nobile e anti­ca famiglia vene­ta. Dedicò, dopo una vita di stu­di nelle scien­ze, gli ulti­mi anni di vita all’assistenza dei bisog­nosi, vesten­do l’abito delle oblate benedet­tine. Fu la pri­ma don­na lau­re­a­ta nel mon­do nel 1678 a Pado­va, dove con­seguì il dot­tora­to in filosofia. Terza can­di­da­ta: Indi­ra Gand­hi. Prese il nome dal mar­i­to Fer­oze Gand­hi, il quale non era in alcun modo imparenta­to con il Mahat­ma Gand­hi. Fu nom­i­na­ta pri­mo min­istro dell’India nel 1966, rimase in car­i­ca fino al 1975. Tornò al gov­er­no nel 1980 dopo fero­ci lotte politiche nel suo Paese. Morì nel 1984 in segui­to ad un attentato.La pre­side, da don­na, a ques­ta scelta tiene molto e si dice felice di ques­ta diri­gen­za: «È il pri­mo anno di vita di una nuo­va grande vec­chia scuo­la. L’Istituto rag­grup­pa tre sedi dis­tac­cate impor­tan­ti, con una sto­ria quar­an­ten­nale, che si sono unite e han­no scop­er­to di pot­er scam­biare gran­di energie. La cosa pos­i­ti­va che è subito emer­sa, è sta­ta la pos­si­bil­ità di accedere a prog­et­ti ed inizia­tive spe­cial­is­tiche di cias­cu­na scuola».«Un esem­pio piut­tosto ecla­tante», sot­to­lin­ea, « è nel­la parte­ci­pazione dei ragazzi del liceo, ai sog­giorni-stu­dio all’estero, orga­niz­za­ti in Inghilter­ra, Ger­ma­nia e Spagna, dall’istituto tec­ni­co-cor­rispon­den­ti in lingue estere di Bussolengo».«Le tre scuole», aggiunge Silin­gar­di, «han­no con­tin­u­a­to a fun­zionare con for­ti dif­feren­zi­azioni, per­ché han­no una “mis­sione cul­tur­ale” diver­sa, unite però ora da un uni­co rego­la­men­to. Il bilan­cio di questo pri­mo anno ver­so la fine, è estrema­mente pos­i­ti­vo: sem­bra di essere sta­ti sem­pre assieme. Per mè è sta­to l’anno più cre­ati­vo del­la mia diri­gen­za, con un cor­po docen­ti che ha dato grande col­lab­o­razione. Il logo che ho cre­ato per l’istituto è di tre cer­chi che si inter­se­cano, a sim­bo­leg­gia­re tre cor­pi dis­tin­ti con pun­ti in comune. Ora il cuore di questo nuo­vo insieme sono la pres­i­den­za e l’amministrazione».

Parole chiave: