Dopo quasi tre decenni di presenza puntuale ed assidua alla scuola, il maestro per antonomasia, ovvero Giovanni Mascanzoni, se ne va in pensione.

Il maestro va in pensione

10/06/2000 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Sergio Bazerla

Dopo qua­si tre decen­ni di pre­sen­za pun­tuale ed assid­ua alla scuo­la, il mae­stro per antono­ma­sia, ovvero Gio­van­ni Mas­can­zoni, se ne va in pen­sione. Una vera e pro­pria isti­tuzione per il paese di Cal­masi­no che in lui ha sem­pre vis­to l’au­torità sco­las­ti­ca, gui­da per genera-•zioni di ragazzi, oggi uomi­ni e donne sposati che han­no affida­to al mae­stro anche i loro figli.Mascanzoni è entra­to nel mon­do del­la scuo­la appe­na diplo­ma­to. Ha inseg­na­to a Pacen­go, pas­san­do poi per la mon­tagna veronese a San­t’An­na d’Al­fae­do. È quin­di ritor­na­to nel cir­co­lo sco­las­ti­co di Bar­dolino, sua ter­ra natia, per. sta­bilir­si defin­i­ti­va­mente pres­so le scuole ele­men­tari di Cal­masi­no. Qui ha ricop­er­to per anni incar­ichi di capogrup­po e mem­bro del con­siglio di circolo.Oltre a dedi­car­si alla famiglia, alla moglie ed ai tré figli, si è atti­va­mente impeg­na­to nel­la ges­tione del­la comu­nale di Bar­dolino, assumen­done anche incar­ichi di ver­tice. Anco­ra oggi fa parte del comi­ta­to di ges­tione del­la strut­tura comunale.Nella lun­ga car­ri­era di mae­stro, Mas­can­zoni da vis­su­to tutte le trasfor­mazioni del­la scuo­la: dai decreti del­e­gati all’in­seg­na­men­to «a mod­u­lo», con­div­i­den­do con il team dei col­leghi l’at­tiv­ità educa­ti­va. In questo nuo­vo modo di «fare scuo­la» è rius­ci­to ad inserir­si con dis­in­voltura, con­frontan­dosi prin­ci­pal­mente con le col­leghe fem­mine, essendo sta­to per molto tem­po l’u­ni­co inseg­nante mas­chio del plesso.«Sentiremo la sua man­can­za», affer­mano le col­leghe , «per­ché Gian­ni oltre alla sua pro­fes­sion­al­ità ha sem­pre offer­to, con disponi­bil­ità ed impeg­no e meti­colosa cura, il suo appor­to in attiv­ità man­u­ali e pratiche con­nesse al buon fun­zion­a­men­to del­la scuo­la, rega­lan­do “stra­or-dinari”, sen­za mai guardare l’orologio».Con la chiusura del­l’an­no sco­las­ti­co, tut­ta la scuo­la di Cal­masi­no e la comu­nità, nonché ex col­leghi ed alun­ni, si unis­cono oggi intorno al mae­stro in una fes­ta di com­mi­a­to. Sarà pre­sente anche l’Am­min­is­trazione comu­nale di Bar­dolino, con il sin­da­co, il quale con­seg­n­erà a Gio­van­ni Mas­can­zoni una medaglia d’oro quale ringrazi­a­men­to per l’im­peg­no pro­fu­so in tan­ti anni di attiv­ità sco­las­ti­ca per gen­er­azioni di cal­masi­ne­si. Ser­gio Baz­er­la

Parole chiave: