Il lavoro dei sub riprenderà nella zona di Barbarano solo a metà marzo

Il maltempo frena i volontari sospese le ricerche di Merigo

28/02/2004 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Francesco Di Chiara

Sono state sospese fino a metà mar­zo le ricerche del cor­po di Michele Meri­go, il tappezziere ses­san­tenne scom­par­so da Salò lo scor­so 10 novem­bre. I ripresero le oper­azioni di scan­daglio nei fon­dali del gol­fo di Salò lo scor­so 14 feb­braio per poi pros­eguire domeni­ca 15 per un totale di cir­ca 13 ore. Il mal­tem­po ha poi in prat­i­ca imped­i­to di pros­eguire l’im­mer­sione del­la tele­cam­era mobile sub­ac­quea, pre­vista nel­lo scor­so week end. «Per i prossi­mi due week end sare­mo impeg­nati su altri fron­ti» ha spie­ga­to Mau­ro Fusato, respon­s­abile per il set­tore sub del­l’as­so­ci­azione «e dovrem­mo quin­di ripren­dere saba­to 13 mar­zo, poichè l’area nel­la quale fare ricerche è anco­ra piut­tosto vas­ta». Dopo che i famil­iari del Meri­go ne denun­cia­rono la scom­parsa qual­cuno disse di aver­lo vis­to allon­ta­nar­si con una bar­ca dal por­tic­ci­o­lo di Bar­bara­no di Salò. Quel­la bar­ca fu poi ritrova­ta vuo­ta alla deri­va, con a bor­do una scarpa che prob­a­bil­mente era sta­ta indos­sa­ta dal­l’uo­mo. Da questo fat­to e da un ritrova­men­to di uno scrit­to del­l’uo­mo nel quale chiede­va per­dono alla famiglia, si com­in­ciò a pen­sare che si fos­se get­ta­to in acqua per far­la fini­ta. I Volon­tari del Gar­da iniziarono subito le ricerche ver­so la destra del por­to di Bar­bara­no, dove venne ritrova­ta la bar­ca. Dopo oltre un mese di immer­sioni smis­ero le oper­azioni subito pri­ma delle feste natal­izie. L’in­ter­ven­to del­la sen­si­ti­va Maria Rosa Busi, che assi­curò loro di “vedere” quel cor­po a cen­to metri di pro­fon­dità, li con­vinse a ripren­dere le oper­azioni nel giorno di San Valenti­no. Fu la stes­sa don­na, che lavo­ra pro­prio a ridos­so del por­to, come ausil­iaria nel­la casa di cura Vil­la Bar­bara­no, ad indi­care sul­la carti­na topografi­ca l’area dove cer­care ai Volon­tari del Gar­da. Un pun­to del lago che però si trova­va dal­la parte oppos­ta rispet­to a dove i Volon­tari ave­vano cer­ca­to in dicem­bre. «Lui andò con la bar­ca in quel­la direzione, ver­so l’iso­la» disse la Busi «si las­ciò andare in acqua, lega­to ad un peso, e poi la bar­ca fu trasci­na­ta dal­la cor­rente ver­so Salò». Il mal­tem­po ha però imped­i­to, dopo due giorni di ricerche, di con­tin­uare le operazioni.

Parole chiave: