Il Comune ha inviato in Regione il progetto per accedere al finanziamento. Favorevole il sindaco Sartori: «Il tetto fotovoltaico fa risparmiare»

Il palazzetto «andrà» a raggi solari

26/03/2005 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Annamaria Schiano

Il Comune ha invi­a­to alla il prog­et­to per l’installazione di un tet­to con pan­nel­li solari al palazzet­to del­lo sport o alle scuole medie. Il prog­et­to è sta­to redat­to dal­la Tele­com Sas di Mozze­cane, la dit­ta alla quale era sta­to affida­to l’incarico dal­la giun­ta munic­i­pale alla fine di feb­braio. Il Comune ha accel­er­a­to i tem­pi, spe­den­do il prog­et­to alla Regione Vene­to in tem­pi utili per accedere allo spe­ciale finanzi­a­men­to che la Regione ha mes­so a dis­po­sizione per l’installazione di impianti foto­voltaici. «Ci ten­go molto a questo prog­et­to», spie­ga il sin­da­co Loren­zo Sar­tori, «per­chè è un sis­tema per pro­durre ener­gia eco-com­pat­i­bile e, oltre ad essere volto alla tutela dell’ambiente, è anche un otti­mo sis­tema per risparmi­are». «La Regione», con­tin­ua il sin­da­co, «finanzia il 40 per cen­to dell’opera, ma accoglie un solo prog­et­to per Comune, per questo abbi­amo indi­ca­to il palazzet­to del­lo sport come sede per l’installazione di un tet­to foto­voltaico, per­chè è l’edificio pub­bli­co a più alto con­sumo ener­geti­co. Comunque non è esclu­so che una vol­ta ottenu­to il finanzi­a­men­to, non spos­ti­amo la real­iz­zazione dell’impianto sull’edificio delle scuole». L’impianto foto­voltaico pre­vis­to dal prog­et­to del­la dit­ta Tele­com Sas prevede in media l’erogazione di ener­gia elet­tri­ca ver­so la rete di dis­tribuzione di 25.976 Kwh, per ogni anno e poichè il con­sumo ann­uo pre­vis­to dal palazzet­to del­lo sport è di 35mila Kilo­wat­to­ra, l’impianto fornirebbe un fab­bisog­no del 75 per cen­to. Cal­colan­do poi un cos­to medio ann­uo di 0,15 euro al Kwh, l’impianto con­sen­tirebbe un risparmio di almeno 3.896 euro l’anno. Dal pun­to di vista eco­logi­co, il tet­to foto­voltaico, con­tribuirebbe alla riduzione di emis­sione di 0.60 chili di anidride car­bon­i­ca per ogni Kilovattora.

Parole chiave: