Torna «Salògolosa» itinerario enogastronomico fra gli angoli più suggestivi del paese. Olio, vini e piatti tipici insaporiti da musica e cultura

Il paradiso dei peccati di gola

15/05/2001 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

L’ap­pun­ta­men­to con la quar­ta edi­zione di «Salò­golosa» è per giovedì 17 mag­gio, dalle ore 18 a mez­zan­otte. «Per l’iniziativa sono mobil­i­tati 48 pro­dut­tori di (12 del­la Fran­ci­a­cor­ta, gli altri del­la Valte­n­e­si e del Gar­da), 6 di extravergine di oli­va, 24 ris­toran­ti, 7 salumerie, 3 pas­tic­cerie, 18 grup­pi musi­cali che si sis­te­mer­an­no in 51 pun­ti diver­si del paese — spie­ga Ange­lo Dal Bon, orga­niz­za­tore capo del­la man­i­fes­tazione -. Salò sarà per­va­so di pro­fu­mi, sapori e musiche, per una cena itin­er­ante che per­me­t­terà di sco­prire gli angoli più carat­ter­is­ti­ci del cen­tro stori­co, il cuore anti­co». Chi acquis­terà la sche­da, del cos­to di 90mila lire, potrà effet­tuare 20 assag­gi di vino e tre di extravergine, gustare quat­tro antipasti (da scegliere fra «Luc­cio alla portesina», «Cop­pa o pancetta di Valti­done», «Pro­sciut­to di Langhi­ra­no», «Ter­ri­na di core­gone», «Spe­cial­ità di Sbalz­er», «Speck di lun­ga sta­gion­atu­ra», «Salu­mi Miche­li», «Carpac­cio di spa­da con vine­grette ai lam­poni», «Bat­tuta di filet­to con orig­ano fres­co»), sette tra pri­mi e sec­on­di («Lasag­nette di spinaci», «Riso alla pilota dell’ ”Ochi­na bian­ca” di Man­to­va», «Pas­ta e fagi­oli», «Frit­to di ver­du­ra e pestom», «Riso pri­madon­na con cur­ry e ananas», «Cason­cel­li in sal­sa di noci», «Polen­ta tiragna», «Gnoc­chet­ti con bagoss e tartu­fo del­la Valte­n­e­si», «Insala­ta di gal­let­to e ver­dure grigli­ate», «Cos­to­lette Eleono­ra Duse», «Man­zo all’o­lio», «Piat­to Vil­la Fiordal­iso», «Riso con gam­beroni», «Pro­sciut­to cot­to alla brace», «Con­tro­filet­to alle erbe fini», «Bac­calà su pata­ta cal­da», «Aoline fritte», «Cap­pon magro al luc­cio rip­ieno», «Inter­pre­tazione di lago», «Empanadas», «Pro­sciut­to di pet­to d’ana­tra», «Crotin di polen­ta e man­go sapor­i­to»), tre dessert (for­mag­gi e dol­ci), un caf­fè, una grap­pa e un dis­til­la­to. La sche­da si può riti­rare da Gigi Goz­za, nel­l’uf­fi­cio sot­to i por­ti­ci del munici­pio, in via S.Carlo o, per chi ha preno­ta­to tramite Inter­net (sito www.salogolosa.it), nel negozio «Immag­ine» in fon­do alla Fos­sa. Ogni parte­ci­pante ricev­erà una tas­ca (una sporta) da portare al col­lo, con­te­nente un bic­chiere, la forchet­ta, il cuc­chi­aio, il piat­to e il cap­pel­lo da mari­naio, che richia­ma Venezia e i tem­pi del­la Serenis­si­ma. Bou­tique, negozi, trat­to­rie, ris­toran­ti, case pri­vate, fon­daci, palazzi ospit­er­an­no un piat­to, un assag­gio di vino o un grup­po musi­cale. Ci saran­no Brunet­to, che ha vin­to la finalis­si­ma del karaoke a Roma, con­dot­ta da Fiorel­lo, il duo Rove­da, Ghis­la — De Parè, le Per­fi­die armoniche, il duo Bertol­di, Mat­teo Paoli, Gio­van­ni Bot­tavi­ni, il duo Berta­sio, Tiger-Dix­ie, Kale­vala, Luca Luci­ni, il quar­tet­to Fer­roni, il duo Tan­go, il trio Baldizzi, il duo Oliv­er. Chi can­terà e chi suon­erà vio­la, vio­li­no, fis­ar­mon­i­ca, chi­tar­ra, man­dolino, arpa o flau­to. «Salò golosa è una ricetta che unisce sapori e melodie — con­clude Dal Bon -. Vogliamo far com­pren­dere la sto­ria del nos­tro lago attra­ver­so la cul­tura enogas­tro­nom­i­ca. L’edi­zione 2001 è ded­i­ca­ta a Gas­paro, l’in­ven­tore del vio­li­no. La scuo­la di liu­te­ria di Cre­mona pro­por­rà una cinquan­ti­na di pan­nel­li e sei quadri ded­i­cati, appun­to, a questo stru­men­to. Li sta alles­ten­do il com­pos­i­tore Frieder Berthold, un tedesco che abi­ta a Limone». Dopo essere sbar­ca­ta nel castel­lo di Fran­cis Ford Cop­po­la in Cal­i­for­nia (ne riferire­mo nelle prossime edi­zioni), Salò­golosa apre la sta­gione esti­va, richia­man­do centi­na­ia di per­sone che amano le buone ricette e i prodot­ti del­la nos­tra ter­ra. Cinqu­cen­to le schede stam­pate, ma altre 100 ven­gono tenute di scor­ta. «Si trat­ta di una man­i­fes­tazione fon­da­men­tale per la pro­mozione di un tur­is­mo di qual­ità, che abbina i sapori ai luoghi — sot­to­lin­ea il sin­da­co -. Numerosi gli appun­ta­men­ti che arric­chi­ran­no il cartel­lone salo­di­ano: dal­la tap­pa del giro d’I­talia alla set­ti­mana ded­i­cate alle bande».

Parole chiave: