Al Natale tra gli olivi presentate, con la campionessa Paola Pezzo, iniziative di promozione sportiva. Tra il Baldo e il lago una rete di percorsi che ora sono più accessibili e segnalati

Il paradiso della mountain bike

04/12/2001 in Avvenimenti
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo

L’attività sporti­va vista come val­ore aggiun­to del tur­is­mo. In quest’ottica quin­di anche la pro­mozione di uno sport come la moun­tain bike, arriva­to pre­po­ten­te­mente alla rib­al­ta, con pos­i­tive riper­cus­sioni sul tur­is­mo del ter­ri­to­rio garde­sano. Obi­et­ti­vo mes­so a fuo­co e diven­ta­to il filo con­dut­tore del con­veg­no «Moun­tain bike; ambi­ente e qual­ità» svoltosi a Gar­da nel con­testo delle man­i­fes­tazioni del tra gli olivi. In pri­mo piano, a par­lare del Gar­da come «ter­reno fer­tile» per l’affermazione del­la Mtb non pote­va esser­ci che l’olimpionica Pao­la Pez­zo, tes­ti­mo­ni­al inoltre di un for­tu­na­to Gran Pre­mio che por­ta il suo nome. «Per la ver­ità», ammette can­di­da­mente l’atleta medaglia d’oro sia ad Atlanta nel ’96 e a Syd­ney lo scor­so anno, «di ques­ta ulti­ma man­i­fes­tazione non mi aspet­ta­vo un così largo suc­ces­so. Vuol dire che il Gar­da è il pos­to ide­ale per questo sport». Una Pez­zo nel frat­tem­po diven­ta­ta cit­tad­i­na garde­sana per aver scel­to come abitazione un rus­ti­co sul ver­sante ovest di monte San Gior­gio, la roc­ca dei frati camal­dole­si. La cam­pi­ones­sa inoltre sta val­u­tan­do l’offerta, arriva­ta fres­ca fres­ca dal sin­da­co di Capri­no Maria Tere­sa Girar­di di pot­er avere a dis­po­sizione gra­tuita­mente un’intera mal­ga sul Monte . «La mon­tagna mi è sem­pre piaci­u­ta e l’offerta di una mal­ga», ha ringrazi­a­to l’atleta, «potrebbe essere pos­to ide­ale per accom­pa­gnare i tur­isti sui mer­av­igliosi trac­ciati ed essere sede di un’ideale scuo­la di Mtb per i bambini».

Parole chiave: -