Riapre l’antico giardino dopo la pausa invernale con un omaggio alla festa dell’8 marzo. E gli esperti del verde lo hanno classificato tra i cinque più belli del mondo

Il parco Sigurtà in «regalo» alle donne

Di Luca Delpozzo
(e.s.)

Dopo la pro­l­un­ga­ta chiusura inver­nale, ven­erdì il par­co gia­rdi­no Sig­urtà riaprirà i can­cel­li al pub­bli­co. Saba­to 8 mar­zo, in occa­sione del­la fes­ta del­la don­na, tutte le vis­i­ta­tri­ci saran­no omag­giate con l’ingresso gra­tu­ito. Il par­co gia­rdi­no, che rimar­rà aper­to fino a novem­bre, ha un’estensione di 56 ettari in ambi­ente col­linare. Esso rap­p­re­sen­ta un com­p­lesso eco­logi­co di rara bellez­za, un vero e pro­prio «tem­pio del­la natu­ra». Il par­co Sig­urtà è infat­ti clas­si­fi­ca­to dagli esper­ti tra i cinque più bel­li e sug­ges­tivi al mon­do. Nel 2001 e nel 2002 il par­co è sta­to pre­mi­a­to con due Award d’oro come migliore gia­rdi­no botan­i­co dal sito inter­net www.parksmania.it. Maria Lise Caix­in­has, del­la Soci­età por­togh­ese di Scien­ze nat­u­rali, l’ha così descrit­to: «È un par­adiso, nel sig­ni­fi­ca­to eti­mo­logi­co del ter­mine. Un luo­go di eccezionale e priv­i­le­gia­ta felic­ità, il pre­mio delle ani­me dei giusti». I vis­i­ta­tori potran­no effet­tuare passeg­giate lun­go itin­er­ari di cir­ca 50 minu­ti cias­cuno, fra prati, com­po­sizioni flo­re­ali e alberi sec­o­lari. Questi per­cor­si sono sta­ti stu­diati per per­me­t­tere a chi lo visi­ta di ammi­rare il par­co in tut­ta la sua esten­sione. Tra l’altro, è sta­to pre­dis­pos­to un per­cor­so panoram­i­co di sette chilometri su viali pavi­men­tati in por­fi­do, il cosid­det­to «itin­er­ario degli incan­ti» che può essere per­cor­so a bor­do di due treni­ni. È pos­si­bile, inoltre, noleg­gia­re bici­clette e golf-cart elet­tri­ci a quat­tro posti. L’orario per le vis­ite è tut­ti i giorni dalle 9 alle 18. Il bigli­et­to d’ingresso cos­ta 8 euro. Sono pre­viste riduzioni per ragazzi dai 6 ai 14 anni (5,50 euro) e per gli adul­ti oltre i 65 (6,50 euro). Per i bam­bi­ni fino a 5 anni e dis­abili gravi con accom­pa­g­na­tore la visi­ta è invece gra­tui­ta. Lun­go i sen­tieri sono instal­lati chioschi per il ris­toro e il relax degli ospi­ti.