Il parroco Francesco scrive: Papa Francesco risponde

Parole chiave:
Di Redazione

Don Francesco Bal­lar­i­ni, par­ro­co del­la par­roc­chia San Francesco di Colom­bare di Sirmione ave­va conosci­u­to nel­la nun­ziatu­ra di Buenos Aires in Argenti­na, durante il suo min­is­tero sac­er­do­tale in Argenti­na il vesco­vo che sarebbe diven­ta­to poi Papa. Forte di ques­ta sua “ami­cizia” sac­er­do­tale Don Francesco nei giorni ha scrit­to una let­tera, via mail, al Pon­tefice ringrazian­do­lo innanz­i­tut­to per la sua quo­tid­i­ana mes­sa da San­ta Mar­ta, nel­la quale ha ricorda­to anche i numerosi sac­er­doti mor­ti per il Coro­n­avirus. Ovvi­a­mente ha par­la­to anche del­la comu­nità sirmionese e delle varie sorelle e fratel­li ricoverati in ospedale qual­cuno dei quali purtrop­po a per­so la vita. Al Pon­tefice ho con­fes­sato di vivere questo tem­po come un lun­go saba­to San­to in cui mi prende un sen­so si buio inte­ri­ore e di pau­ra anche se poi mi ripren­do e pen­so — ha scrit­to Francesco par­ro­co a Francesco Papa — che chi è purtrop­po man­ca­to non è nelle grin­fie del virus ben­sì nelle brac­cia del Padre”

non ha per­so tem­po ed ha rispos­to via mail, di suo pug­no, in spag­no­lo ringrazian­do il “Caro fratel­lo” per il mes­sag­gio “Io, da qui, ti accom­pa­g­no — scrive (traduzione del­lo stes­so don Francesco) — con i salu­ti ai tuoi par­roc­chi­ani per i quali prego a a te chiedo di pre­gare per me. Ti bened­i­ca Gesù e la San­ta Vergine si curi di te. Fra­ter­na­mente, Francesco”. Salu­ti e benedi­zione con­di­vise ed estese a tut­ti col­oro che in questi giorni stan­no lot­tan­do e sof­fren­do.

Parole chiave: