E’ venuto il momento di lasciare, dopo Rivoltella e Portese, anche Lazise.

Il parroco Pasquini saluta la comunità

07/12/2002 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Lazise

E’ venu­to il momen­to di las­cia­re, dopo Riv­oltel­la e Portese, anche Lazise. E don Alessan­dro Pasqui­ni, il par­ro­co dei San­ti Zenone e Mar­ti­no, dopo poco più di un anno se ne va. Va in Curia dioce­sana a Verona a seguire i beni immo­bili del­la dio­ce­si, com­p­rese le innu­merevoli par­roc­chie che fan­no capo alla stes­sa, dal­la provin­cia veronese a quel­la bres­ciana, fino a due inserite nel­la provin­cia rodig­i­na. Si muoverà quin­di sul ter­ri­to­rio per indi­vid­uare i beni di pro­pri­età del clero, cen­sir­li, accat­a­star­li, ren­der­li agi­bili, insom­ma recu­per­are appieno tut­to il pat­ri­mo­nio eccle­si­as­ti­co. Il salu­to di com­mi­a­to alla gente di Lazise lo darà domani fes­ta del­la Madon­na, dopo la mes­sa solenne con­cel­e­bra­ta con don Nico­la Azza­li, alle ore 10,30. Il rito sarà alli­eta­to dal­la Schola can­to­rum diret­ta dal mae­stro Giuseppe Castel­lani. Dopo la mes­sa avrà luo­go il salu­to di com­mi­a­to da parte del sin­da­co Luca Sebas­tiano, dei rap­p­re­sen­tan­ti delle asso­ci­azioni e del con­siglio pas­torale. La comu­nità par­roc­chiale quin­di con­seg­n­erà a don Aless­ndro Pasqui­ni una tar­ga in argen­to seg­no di sti­ma e ricor­do per la sua attiv­ità in seno alla comu­nità. Seguirà, nel cor­tile del­la canon­i­ca o pres­so l’ex teatro par­roc­chiale in caso di mal­tem­po, un rin­fres­co offer­to dalle asso­ci­azioni di volon­tari­a­to. L’entrata del nuo­vo par­ro­co don Achille Boc­ci è pre­vista per saba­to 14 dicem­bre con mes­sa delle 18.