Il Presdinet Fontana saluta militari russi: un aiuto prezioso nel momento di maggior difficoltà

08/05/2020 in Attualità
Di Redazione

Un ringrazi­a­men­to doveroso a chi e’ inter­venu­to a dar­ci una mano nel momen­to del­la dif­fi­col­ta’ vera­mente piu’ estrema, nel momen­to in cui si sta­va soffrendo
tut­ti insieme in cui la cit­ta’ di Berg­amo e in genere il ter­ri­to­rio berga­m­as­co era in dif­fi­col­ta’: essere venu­ti in quel pre­ciso frangente e’ sta­ta una dimostrazione di ami­cizia e di un impor­tante aiu­to morale”.

Cosi’ il pres­i­dente di Attilio Fontana inter­venu­to alla cer­i­mo­nia di salu­to del con­tin­gente rus­so che rien­tr­era’ in patria dopo aver aiu­ta­to con la sua opera le aree di Berg­amo e Bres­cia, tra le piu’ col­pite dal coronavirus.

I PRESENTI

Al momen­to di com­mi­a­to dai mil­i­tari rus­si che, a scaglioni, rien­tr­eran­no in patria, era­no pre­sen­ti anche gli asses­sori region­ali Clau­dia Maria Terzi (Infra­strut­ture, Trasporti e Mobili­ta’ sosteni­bile), Lara Mag­o­ni (Tur­is­mo, Mar­ket­ing Ter­ri­to­ri­ale e Moda), Pietro Foroni (Ter­ri­to­rio e ) e il sot­toseg­re­tario alla Pres­i­den­za con del­e­ga ai Rap­por­ti con le Del­egazioni Inter­nazion­ali Alan Chris­t­ian Rizzi.

Da parte del­la Fed­er­azione Rus­sa, han­no parte­ci­pa­to al momen­to di salu­to i diri­gen­ti del con­tin­gente rus­so e l’Am­bas­ci­a­tore Sergey Razov e il Con­sole Gen­erale Alexan­der Nurizade.

All’in­con­tro han­no pre­so parte anche i con­siglieri Dario Vio­li e Gio­van­ni Malan­chi­ni del­l’Uf­fi­cio di Pres­i­den­za del Con­siglio regionale e Ezio Deli­gios, con­sigliere comu­nale di Berg­amo del­e­ga­to ai rap­por­ti internazionali .

Se ci si sente aiu­tati anche da tante per­sone che arrivano da Pae­si lon­tani — ha det­to anco­ra Fontana — si sente un po’ meno solo e gli viene un po’ piu’ di forza, anche se i berga­m­aschi han­no forza fa vendere”.

FORONI: GRANDE ESEMPIO SOLIDARIETANELLA LOTTA AL COVID

Gli ami­ci rus­si — ha sot­to­lin­eato nei suoi ringrazi­a­men­ti l’asses­sore Foroni — han­no svolto un prezioso lavoro di san­i­fi­cazione di 70 Rsa in provin­cia di Berg­amo e oltre 50 a Bres­cia ci han­no per­me­s­so di vivere una bel­lis­si­ma esperienza.
Insieme, han­no coop­er­a­to l’E­serci­to ital­iano, i san­i­fi­ca­tori i san­i­tari del­l’e­serci­to rus­so, l’As­so­ci­azione Nazionale che fa parte del­la Pro­tezione civile, i medici di Emer­gency. Un grande esem­pio di sol­i­da­ri­eta’ nel­la lot­ta al Covid”.

Il con­tin­gente medico, invi­a­to a segui­to di un accor­do tra il gov­er­no ital­iano e il gov­er­no rus­so, e’ com­pos­to da 104 per­sone tra medici, infer­mieri e addet­ti alla san­i­fi­cazione. Il con­tin­gente mil­itare rus­so e’ affi­an­ca­to da un con­tin­gente del­l’E­serci­to Ital­iano (cir­ca 50 persone).

I medici e il per­son­ale san­i­tario rus­so han­no oper­a­to pres­so l’ospedale da cam­po di Berg­amo, pre­via for­mazione pres­so l’Ospedale Papa Gio­van­ni XXIII. Il resto del per­son­ale ha effet­tua­to attivi­ta’ di san­i­fi­cazione pres­so le strut­ture RSA del­la berga­m­as­ca e del­la bresciana.

RIZZI:AIUTI CONCRETI TESTIMONIANO OTTIMI RAPPORTI INTERNAZIONALI
“Il per­son­ale medico ital­iano — ha aggiun­to il sot­toseg­re­tario Rizzi — ha ringrazi­a­to ed e’ rimas­to par­ti­co­lar­mente col­pi­to dalle attivi­ta’ svolte sul ter­ri­to­rio dagli ami­ci russi”.
“Sono sta­ti tan­tis­si­mi — ha con­tin­u­a­to — gli aiu­ti con­creti rice­vu­ti dal­la Lom­bar­dia, mascher­ine, con­tin­gen­ti medici e infer­mieris­ti­ci, a tes­ti­mo­ni­an­za degli otti­mi rap­por­ti costru­iti nel tem­po dal­la Lom­bar­dia a liv­el­lo inter­nazionale. Nel cor­so del­la ulti­ma call con i Con­soli abbi­amo affronta­to, tra i tan­ti temi, la neces­si­ta’ di trasferire queste espe­rien­ze pos­i­tive Paese per Paese: il nemi­co da com­bat­tere e’ il virus che si e’ dif­fu­so a liv­el­lo mon­di­ale, quin­di tut­ti insieme dob­bi­amo unire le forze per sconfiggerlo”.