Incendio domato ma c'è il problema della bonifica di 25 ettari di bosco

Il rischio focolai

24/08/2000 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Ci sono volu­ti quat­tro giorni, ma alla fine, ieri ver­so mez­zo­giorno, l’in­cen­dio del bosco di Tig­nale pote­va dirsi doma­to pres­soché del tut­to, anche se sono rimasti attivi dei peri­colosi focolai.La sti­ma finale dei dan­ni si attes­ta su 25 ettari di bosco, che sono andati irri­me­di­a­bil­mente in fumo.La zona più col­pi­ta è sta­ta la local­ità Coste a Tig­nale. Una zona imper­via, in cui le piante con­tribuiv­ano a ren­dere meno peri­colosa l’ero­sione costante del ter­reno durante la sta­gione invernale.Le fiamme sono spente ma il lavoro degli uomi­ni del­la Fore­stale, dei di Gargnano, dei volon­tari di Tig­nale Soc­cor­so e dei Vig­ili del fuo­co di Salò — le forze impeg­nate fino­ra nelle oper­azioni di speg­n­i­men­to del­l’in­cen­dio — non è anco­ra con­clu­so.• «II lavoro che devono com­piere ora le squadre anti­ncen­dio — osser­va il coman­dante dei Cara­binieri di Gargnano, Cosi­mo Abruz­zo — è forse altret­tan­to impor­tante del prece­dente. Si trat­ta infat­ti di bonifi­care l’in­tero sot­to­bosco. Oper­azioni che richieder­an­no non meno di due, tre giorni di lavoro. Questo, infat­ti, è un momen­to par­ti­co­lar­mente del­i­ca­to: bas­ta che una pigna cada da un albero e si met­ta a roto­lare tra la pic­cole braci per­ché l’in­cen­dio ripren­da a dis­trug­gere il bosco».Anche i Vig­ili del fuo­co di Salò con­fer­mano che «la situ­azione è net­ta­mente miglio­ra­ta. Sono comunque rimasti pic­coli foco­lai, che van­no spen­ti con grande atten­zione. Tra l’al­tro, in ques­ta fase risul­ta deter­mi­nante l’opera di pre­ven­zione not­tur­na. Un lavoro che porter­e­mo a com­pi­men­to anche gra­zie all’aiu­to delle squadre di volon­tari, in par­ti­co­lare quel­li di Tig­nale Soccorso».

Parole chiave:

Commenti

commenti