Oggi anche concerto di musica classica e domani messa con il vescovo Carraro. Un giorno dedicato a quanti soffrono per la perdita di un figlio

Il Santuario per i genitori «orfani»

16/09/2006 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Barbara Bertasi

Oggi c’è una sor­pre­sa ded­i­ca­ta a quei gen­i­tori che han­no il cuore trafit­to dal dolore per la morte di un figlio. A qua­si un anno dal suo arri­vo alla Coro­na, il ret­tore mon­sign­or Gio­van­ni Otta­viani ha scrit­to una let­tera ai gen­i­tori rimasti “orfani” di un figlio, in cui non solo esprime «affet­to, com­pren­sione ed ami­cizia», ma fa sapere anche che «il San­tu­ario vuole essere vici­no». Chi ha per­du­to un figlio è così invi­ta­to alla gior­na­ta di incon­tro, preghiera e fra­ter­nità che inizierà alle 10,30 con la mes­sa. Domeni­ca il vesco­vo padre Flavio Rober­to Car­raro sarà alla Coro­na per la mes­sa delle 10,30.L’idea di una gior­na­ta ded­i­ca­ta alla sof­feren­za delle madri è sta­ta del­la Comu­nità del San­tu­ario, ret­ta da mon­sign­or Otta­viani. «Sono molte le mamme che sal­go­no alla Coro­na con il volto seg­na­to dal dolore», dice il ret­tore, «sen­so di col­pa, dif­fi­coltà di ridare un sen­so alla vita, iso­la­men­to volu­to o chiusura nei ricor­di cos­ti­tu­is­cono i prin­ci­pali aspet­ti che aggra­vano il loro dolore. Al San­tu­ario cer­cano seren­ità. Affi­dano il figlio alla Madon­na, las­ciano una foto ricor­do». A tutte loro e a tut­ti quei gen­i­tori il San­tu­ario ded­i­ca ques­ta gior­na­ta spe­ciale. Alle 11.30 incon­tro di fra­ter­nità con la Comu­nità del San­tu­ario. Dalle 15,30 litur­gia del­la paro­la; alle 16 «Affi­da­men­to alla Madon­na del­la Coro­na dei bam­bi­ni e delle famiglie». Ore 17,45 con­cer­to cel­e­bra­ti­vo dei solisti dell’Opera gio­cosa del Benà­co che pre­sen­tano «Le sette parole di Cristo sul­la Croce», di E.J.Haydn. Le messe del­la gior­na­ta sono alle 8,30, 10,30, 12 e 17 (fes­ti­va), le Lodi alle 8. Domani le cel­e­brazioni sono ogni ora dalle 7,30 alle 10,30, poi alle 12 e poi alle 15,30 sem­pre ogni ora fino alle 18,30. Il Rosario è alle 15.Il con­cer­to di oggi ha l’approvazione dell’Ufficio per la pas­torale litur­gi­ca e la musi­ca sacra del­la Dio­ce­si di Verona, si tiene nel­la basil­i­ca. Al ter­mine del­la cer­i­mo­nia reli­giosa tut­ti sono invi­tati all’ascolto di brani di Franz Joseph Haydn inter­pre­tati dai solisti dell’Opera Gio­cosa del Bena­co, diret­ta dal mae­stro Car­li­ni, con la voce recitante di Fran­co Cera­di­ni che declamerà le cele­ber­rime «Sette ultime parole di Cristo dal­la croce».Il lavoro risale al 1785, quan­do il march­ese di Vades-Ini­go, canon­i­co del­la chiesa del Rosario di Cadice, com­mis­sionò a Haydn un’opera che con­sis­te­va in un’introduzione segui­ta da sette ada­gio segui­ta da un ter­re­mo­to, che accom­pa­g­nasse l’annuale cel­e­brazione del­la pas­sione del ven­erdì san­to in cui era con­sue­tu­dine che il vesco­vo com­men­tasse le sette parole, ripor­tate dai van­geli, che Cristo pro­nun­ciò sul­la croce pri­ma di morire.