Non ci sono in vista novità per il traffico: il sindaco, Arturo Sigurtà, ha infatti deciso di non intervenire sui sensi unici delle vie Caraffe e San Pietro

Il sindaco non cambia i sensi unici

Di Luca Delpozzo
Elia Botturi

Non ci sono in vista novità per il traf­fi­co: il sin­da­co, Arturo Sig­urtà, ha infat­ti deciso di non inter­venire sui sen­si uni­ci delle vie Caraffe e San Pietro. Gli eser­centi di quest’ul­ti­ma stra­da ave­vano chiesto di inver­tire le due direzioni obbli­ga­to­rie: la pro­pos­ta era di tran­sitare in via Caraffe dal semaforo col viale Boschet­ti ver­so la Cro­cetta e in via San Pietro da quest’ul­ti­mo incro­cio ver­so via Lona­to. «I com­mer­cianti han­no avan­za­to delle argo­men­tazioni, ma pri­ma di decidere mi è sem­bra­to gius­to son­dare le opin­ioni dei miei concit­ta­di­ni — spie­ga Sig­urtà -. Allo­ra, attra­ver­so gli organi di stam­pa, ho chiesto il parere di tut­ti gli auto­mo­bilisti, in modo da provvedere a mod­i­fiche a ragione vedu­ta. Purtrop­po ho avu­to solo tre seg­nalazioni: due che mi chiedono di las­cia­re le cose come stan­no e una favorev­ole all’in­ver­sione». Vis­to che evi­den­te­mente quei sen­si uni­ci non rap­p­re­sen­tano un prob­le­ma per la cir­co­lazione, Sig­urtà ha deciso di non accogliere le richi­este dei com­mer­cianti di via San Pietro. «Per il momen­to — con­fer­ma Sig­urtà — dato che per­sonal­mente riten­go migliore la soluzione in essere, non inten­do cam­biare la cir­co­lazione nelle due vie». L’in­ter­ven­to caldeg­gia­to dal grup­po di negozianti avrebbe prob­a­bil­mente por­ta­to ad una mod­i­fi­ca del­l’in­cro­cio del­la Cro­cetta, fra gli aspet­ti più con­tes­ta­ti del piano traf­fi­co del­l’an­no scor­so: a dare fas­tidio è il divi­eto di svol­ta a destra in fon­do a via IV Novem­bre per chi proviene da nord, dove si con­cen­tra­no un plesso sco­las­ti­co, il cen­tro sporti­vo e il popoloso quartiere del I Maggio.