L’iniziativa dell’Unione comuni. Un Doblò con i marchi

Il trasporto disabilipagato da sponsor

26/07/2008 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Enrico Grazioli

Anche l’U­nione dei Comu­ni del­la Valte­n­e­si avrà un automez­zo attrez­za­to per dis­abili con car­rozzi­na finanzi­a­to da ditte locali tramite l’ac­quis­to di spazi pub­blic­i­tari sul mez­zo. È un nuo­vo ris­volto sociale del fare pub­blic­ità per­me­s­so dal­l’ac­cor­do siglato il 30 mag­gio tra la giun­ta del­l’U­nione e la Servizi Gra­tu­iti di Roma.Il prog­et­to rical­ca quel­lo segui­to già da altri Comu­ni. La Sg acqui­sisce una mez­zo attrez­za­to per il trasporto di dis­abili, le aziende vi com­pra­no spazi pub­blic­i­tari che pagano il comoda­to d’u­so del mez­zo per quat­tro anni al Comune. In questo caso sarà un Fiat Doblò, per cui sono richi­este 15–20 inserzioni.Questa azien­da è nata a inizio anno e in Provin­cia ha già for­ni­to Bot­ti­ci­no e la Comu­nità Mon­tana Valsab­bia, ma non è l’u­ni­ca. Questo tipo di oper­azione com­mer­ciale con scopi sociali è già prat­i­ca­ta anche dal­la Mgg, che ha for­ni­to oltre tre­cen­to enti pubblici.Nei prossi­mi giorni saran­no spedite le let­tere che informerà del prog­et­to le cir­ca 500 aziende del ter­ri­to­rio. In un sec­on­do momen­to le inter­es­sate saran­no con­tat­tate dal­la Sg e, infine, entro fine anno la con­seg­na uffi­ciale del Doblò. In realtà potrebbe essere anche più d’un mez­zo, dipen­derà da quan­ti saran­no inter­es­sati ad affig­gere i pro­pri loghi.All’inizio questo prog­et­to era sta­to pen­sato per Moni­ga-Maner­ba, poi a inizio anno l’U­nione dei Comu­ni del­la Valte­n­e­si si è allarga­ta a sei. Quan­do arriverà il Doblò, i mezzi di trasporto per dis­abili diver­ran­no due su un totale di sette dis­tribuiti tra i vari Comu­ni al servizio del­l’asses­so­ra­to ai del­l’U­nione, guida­to dal sin­da­co di Moni­ga Lorel­la Lavo. I costi di ges­tione (assi­cu­razione, bol­lo, manuten­zione mec­ca­ni­ca e di car­rozze­ria) saran­no a cari­co del­la Sg, ovvero i Comu­ni pagher­an­no solo la ben­z­i­na.

Parole chiave: