Il basso lago sfida le temperature invernali

Il tuffo di capodanno al Desenzanino

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Anche quest’anno, com’è tradizione anche in altre d’Europa, un grup­po di temer­ari ha sfida­to il fred­do e il cal­en­dario, facen­do il bag­no nelle fres­che acque del lago il 1° gen­naio 2013, a Desen­zano. Tem­per­atu­ra dell’aria 1°C e dell’acqua 10,6°C.   L’appuntamento per i cor­ag­giosi bag­nan­ti è scoc­ca­to alle 10.30 nel­la spi­ag­gia del Desen­zani­no, dove si sono riu­ni­ti ragazzi prove­ni­en­ti da varie par­ti del Gar­da per immerg­er­si nelle acque garde­sane dopo le 11. Il pri­mo tuffo al Desen­zani­no fu fat­to da Mar­co Pul­ciot­to Loro e da un ami­co norveg­ese (Sven) nel 2002 per vin­cere una scommes­sa; impre­sa poi ripetu­ta da Mar­co nel 2003 e nel 2004 come gesto goliardi­co. Dopo una pausa di qualche anno, l’usanza è sta­ta ripresa in ricor­do del com­pianto mae­stro desen­zanese di kick box­ing, Fabio Fontanel­la, che ave­va l’abitudine di fare il bag­no nel lago ogni pri­mo dell’anno come atto di buon aus­pi­cio. Nell’impresa sono sta­ti coin­volti alcu­ni ami­ci. E da quat­tro tuffa­tori del 2011 il grup­po è poi pas­sato a nove, il 1° gen­naio 2013. La sper­an­za degli orga­niz­za­tori del bag­no di , è di rad­doppi­are le pre­sen­ze nel 2014 e di far diventare questo appun­ta­men­to una tradizione segui­ta come già accade in altri pae­si del Nord Europa. Le tem­per­a­ture sul Gar­da sono comunque più miti, la forza di volon­tà del grup­po di ami­ci è tan­ta… quin­di le pre­messe sem­bra­no buone. Una nota per gli inter­es­sati: il bag­no si fa rig­orosa­mente in cos­tume!  

Parole chiave: