Monsignor Giuseppe Zenti domani mattina inaugurerà una mostra, poi salirà con la funivia a Tratto Spino dove celebrerà la messa

Il vescovo tra le vette del Baldo

25/08/2007 in Religione
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
EU.CIP.

Il vesco­vo sale in quo­ta e ded­i­ca la sua domeni­ca alla mon­tagna veronese e ai suoi appas­sion­ati: appun­ta­men­ti in serie per mon­sign­or Giuseppe Zen­ti, che domat­ti­na si recherà a Mal­ce­sine per poi salire in funi­via ver­so il e rag­giun­gere Trat­to Spino — dove alle 11 è pre­vista la cel­e­brazione del­la mes­sa — e scen­dere nel tar­do pomerig­gio pri­ma del­la sec­on­da fun­zione, pro­gram­ma­ta al Cristo del­la stra­da a Brenti­no Bel­luno. E’ salta­to invece l’appuntamento con la fes­ta di San­ta Rosa, al rifu­gio Barana al Telegrafo, che tradizional­mente chi­ude la sta­gione escur­sion­is­ti­ca estiva.La gior­na­ta si aprirà di fat­to ver­so le 9.30, quan­do la mas­si­ma autorità reli­giosa veronese inau­gur­erà, nel­la sala mostre del­la stazione a valle del­la funi­via, l’esposizione dei dis­eg­ni degli alun­ni delle scuole ele­men­tari e medie di Verona e provin­cia sul tema «Mon­te­for­tiana: con­tin­ua il cam­mi­no di sper­an­za e sol­i­da­ri­età tra i popoli», rasseg­na che da anni rien­tra tra le inizia­tive di par­ti­co­lare sig­ni­fi­ca­to col­le­gate alla mar­cia podis­ti­ca orga­niz­za­ta a Mon­te­forte d’Alpone.Quindi il vesco­vo salirà con la funi­via, che lui stes­so ave­va benedet­to nel 2002 quan­do il nuo­vo impianto venne inau­gu­ra­to dal pres­i­dente del­la Repub­bli­ca Car­lo Azeglio Ciampi, fino a Trat­to Spino, dove cele­br­erà la mes­sa a 1.800 metri di quo­ta nel­la chieset­ta del­la Madon­na del­la neve. Quin­di parteciperà alla una colazione «alpina» orga­niz­za­ta dal Gam, il Grup­po alpin­is­ti­co Mal­ce­sine, e dal Con­sorzio olivocoltori.Monsignor Zen­ti si era pre­so l’impegno di dedi­care una gior­na­ta alla mon­tagna quan­do, a fine luglio, ave­va rice­vu­to in vesco­v­a­do il con­siglio di pres­i­den­za del Cai.«Anche se non più escur­sion­ista atti­vo», riferisce il pres­i­dente del Cai Verona, Piero Bre­sao­la, che ha guida­to la del­egazione in Vesco­v­a­do «il vesco­vo van­ta trascor­si da “fer­ratista” e tiene comunque in grande con­sid­er­azione sia la mon­tagna che le attiv­ità ad essa legate».In ragione di ciò Zen­ti non soltan­to ha apprez­za­to molto la var­ie­ga­ta attiv­ità del Club alpino italiano.Nel cor­so del­la gior­na­ta di domani mon­sign­or Zen­ti sarà scor­ta­to dagli uomi­ni del Soc­cor­so alpino. «Infat­ti», spie­ga Mar­co Vig­no­la, respon­s­abile del­la stazione scalig­era del Cnsas, «due nos­tri volon­tari andran­no a pren­der­lo in Curia alle 8 del mat­ti­no per accom­pa­g­narlo a Malcesine».Il vesco­vo si sposterà quin­di a Brenti­no Bel­luno nel tar­do pomerig­gio, in tem­po per cel­e­brare la mes­sa alle 18 nel­la chiesa ded­i­ca­ta al Cristo del­la strada.

Parole chiave: