Lo scalo bresciano cresce del 48% da gennaio e del 72% in agosto

Impennnata del numero dei passeggeri al d’Annunzio

05/09/2008 in Attualità
Di Luca Delpozzo

Il piano di rilan­cio dell’aeroporto D’Annunzio di Bres­cia sta dan­do buoni risultati.In un mer­ca­to nazionale dall’andamento com­p­lessi­va­mente non bril­lante, lo sca­lo di Mon­tichiari ha seg­na­to un pro­prio record di svilup­po: una cresci­ta di oltre il 72% nel solo mese di agos­to, mese in cui più di 40 mila passeg­geri han­no scel­to il D’Annunzio come base per i pro­pri spostamenti.L’incremento del traf­fi­co ha inter­es­sato sia i voli nazion­ali che quel­li inter­nazion­ali, con una spic­ca­ta pref­eren­za per il servizio di lin­ea che è qua­si rad­doppi­a­to rispet­to all’agosto 2007, segui­to dal char­ter con un +37%. Risul­ta sta­bile il rit­mo del movi­men­to postale da gen­naio, pari a oltre 20 mila ton­nel­late, che con­fer­ma lo sca­lo bres­ciano al quar­to pos­to del­la clas­si­fi­ca degli aero­por­ti car­go in Italia.Guardando l’andamento dei pri­mi otto mesi del 2008, si nota uno svilup­po del 48% del movi­men­to passeg­geri da e per Bres­cia, con uno spe­ciale gradi­men­to dei voli di lin­ea nazionali.Il pres­i­dente del D’Annunzio, Pier­lui­gi Angeli, si dichiara sod­dis­fat­to del­la rispos­ta data dal ter­ri­to­rio alle oppor­tu­nità for­nite dal­la Soci­età di ges­tione: “gli sforzi fat­ti per dotare l’area bres­ciana di servizi adeguati ai rit­mi pro­dut­tivi di ques­ta zona sta dan­do i pri­mi buoni frut­ti. Dob­bi­amo lavo­rare anco­ra al per­fezion­a­men­to del­la macchi­na aero­por­tuale per venire incon­tro con effi­cien­za cres­cente alle esi­gen­ze di sposta­men­to dei nos­tri utenti”.Procede nel frat­tem­po il piano di svilup­po infra­strut­turale per il quale il Sis­tema aero­por­tuale del Gar­da ha stanzi­a­to 70 mil­ioni di euro, che potran­no diventare 100, per il peri­o­do 2009–2012, in vista di un aumen­to del traf­fi­co car­go e passeg­geri, come ricor­da il vice pres­i­dente Vig­ilio Bet­tin­soli. Da quest’estate è in fun­zione il nuo­vo piaz­za­le aero­mo­bili, che cresce di altri 40 mila metri quadri, arrivan­do così al rad­doppio degli spazi a dis­po­sizione degli aerei passeg­geri e cargo.Continuano nel frat­tem­po i lavori per la real­iz­zazione del nuo­vo Car­go Build­ing, pron­to nel giro di un anno, des­ti­na­to ad ospitare le mer­ci in uno spazio doppio rispet­to all’attuale. Dal prossi­mo autun­no sarà infine mes­sa a dis­po­sizione dell’aeroporto di Mon­tichiari anche la sec­on­da ten­dostrut­tura di 2500 metri quadri des­ti­na­ta alla ges­tione del­la mer­ce nazionale e del­la pos­ta; a con­clu­sione degli inter­ven­ti infra­strut­turali, lo sca­lo potrà fare fronte a una doman­da di traf­fi­co com­mer­ciale doppia dell’attuale e pari a cir­ca 100 mila tonnellate.