Un progetto di recupero della Comunità, a cura della Fondazione Negri e dei Comuni della riviera. Le prime adesioni da Gargnano e dal gruppo culturale di Nago-Torbole

In archivio i «click» del Garda

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
se.za.

Pros­egue l’at­tiv­ità di cat­a­logazione del­l’enorme pat­ri­mo­nio di immag­i­ni fotogra­fiche di cui dispone il baci­no del Gar­da: scat­ti che sono una tes­ti­mo­ni­an­za di pae­sag­gi, sto­ria, cul­tura, even­ti, avven­i­men­ti. Tut­ti con un denom­i­na­tore comune: il lago, come regione uni­ca ed indi­vis­i­bile. Ne ha cura la Fon­dazione Negri, che sta operan­do affinchè le immag­i­ni siano cus­todite, ordi­nate, disponi­bili e con­sulta­bili, sec­on­do le più mod­erne tecnologie.L’obiettivo di questo impor­tante prog­et­to del­la Comu­nità, pre­siedu­ta da Aventi­no Frau, è che il Gar­da pos­sa avere un archiv­io capace di favorire la comu­ni­cazione e di cus­todire la memo­ria, anche a ben­efi­cio delle gen­er­azioni future. Gargnano e Nago-Tor­bole sono le prime due local­ità che han­no dato un’en­tu­si­as­ti­ca ade­sione. Tor­bole, in par­ti­co­lare, ha reso disponi­bile l’in­tera collezione di fotografie e car­to­line d’e­poca di pro­pri­età del munici­pio, frut­to di un accu­ra­to lavoro del Grup­po cul­tur­ale locale e del­l’ar­chitet­to Gia­co­mo Nones.Tra il mate­ri­ale recu­per­a­to c’è anche il man­i­festo real­iz­za­to e dis­tribuito nel 1948, a cura del­l’Ente del Gar­da, con sede a Gar­done Riv­iera, divenu­to poi (nel 1955) Comu­nità. Il man­i­festo, patro­ci­na­to dal­l’En­it, fu uti­liz­za­to come stru­men­to di pro­mozione tur­is­ti­ca (sul bor­do infe­ri­ore è vis­i­bile la scrit­ta «Aff­is­sione autor­iz­za­ta dal­la Ques­tu­ra di Gen­o­va») del­l’in­tero baci­no. Il poster com­pie oggi qua­si 60 anni. E’ nato da men­ti e mani cer­ta­mente garde­sane, lon­tane da tem­atiche come la «glob­al­iz­zazione» o dal­la ric­chez­za eco­nom­i­ca. Eppure sa ben rap­p­re­sentare una realtà, sem­pre più attuale: la regione del Garda.Intanto nel diret­ti­vo del­la Comu­nità sono entrati i del­e­gati dei pres­i­den­ti delle Camere di com­mer­cio di Bres­cia (Fer­di­nan­do Cav­al­li) e Man­to­va. E’ sta­ta cos­ti­tui­ta una nuo­va strut­tura, denom­i­na­ta Comi­ta­to comu­ni ed enti costieri (Cocec). Avrà fun­zioni propul­sive, coor­di­na­tri­ci e real­iz­za­tive per quan­to riguar­da i temi delle acque (qual­ità, quan­tità), gli inter­ven­ti di entra­ta ed usci­ta, gli svasi dal­l’Adi­ge e nel Gar­da, i prob­le­mi del con­trol­lo e del­la pulizia del lago, del­la sicurez­za, delle spi­agge e del­la .

Parole chiave: