Pari opportunità, il Gal all’avanguardia nella Ue

In delegazione a Bruxelles per i progetti futuri

29/03/2006 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
se.za.

Una del­egazione del Grup­po azione locale di Gar­da e Valle Sab­bia si è reca­ta a Brux­elles allo scopo di pre­sentare il «Prog­et­to comune sulle pari oppor­tu­nità». L’o­bi­et­ti­vo è di sper­i­menta­re per­cor­si di pro­gram­mazione parte­ci­pa­ta che tengano con­to dei bisog­ni del ter­ri­to­rio e, in par­ti­co­lare, del­l’u­ni­ver­so fem­minile. Il prog­et­to pun­ta a non rel­e­gare la polit­i­ca di pro­mozione del­la par­ità ad inter­ven­ti speci­fi­ci su tar­get di donne, ma a tenere in con­sid­er­azione, nel­la definizione com­p­lessi­va del­la strate­gia di un pro­gram­ma, le diverse esi­gen­ze di donne e uomi­ni che risiedono in un ter­ri­to­rio e i diver­si effet­ti che le scelte pos­sono avere sui due seg­men­ti di popo­lazione. L’in­ter­esse del Gal ver­so queste tem­atiche è già emer­so, sep­pure in modo indi­ret­to, attra­ver­so alcune azioni del Piano di svilup­po locale, come il sosteg­no alle attiv­ità di bed&breakfast, che ha favorito l’oc­cu­pazione delle donne. Adesso si cer­ca di giun­gere preparati ai prossi­mi stanzi­a­men­ti di fon­di strut­turali, rel­a­tivi al peri­o­do 2007–2013. Atten­ti, insom­ma, a cogliere le oppor­tu­nità offerte dagli stru­men­ti del­la Comu­nità euro­pea, prin­ci­pal­mente il Piano di svilup­po rurale e il pro­gram­ma oper­a­ti­vo del­l’O­bi­et­ti­vo 2. Nel­l’ar­co di tem­po dal 2000 al 2006 il Gal (com­prende enti pub­bli­ci e aziende pri­vate, ha la sede a Salò, nel quartiere delle Rive, ma nelle prossime set­ti­mane si trasferirà in via Fan­toni, nel­l’ex Palaz­zo del liceo) ha rice­vu­to finanzi­a­men­ti in base al prog­et­to «Leader Plus», teso a val­oriz­zare e svilup­pare l’am­bi­ente del­l’en­troter­ra col­linare tra il lago di Gar­da e quel­lo di Idro, carat­ter­iz­za­to da minore dif­fu­sione di servizi e oppor­tu­nità lavo­ra­tive. Del­la ques­tione riguardante le pari oppor­tu­nità si è dis­cus­so in occa­sione del­l’in­con­tro svoltosi mart­edì e mer­coledì nel­la sede del­la a Brux­elles. La del­egazione è sta­ta chia­ma­ta a ragionare sul futuro del Gal, in vista del­la chiusura del­l’es­pe­rien­za «Leader Plus» e del­la pro­gram­mazione dei fon­di 2007–2013.

Parole chiave: